Il poeta nel pallone: la regina incontrastata

428
Poesia giornata mondiale poesia calcio
Autore: la Redazione

La regina incontrastata: la nuova poesia di inizio campionato. Riparte la nostra rubrica di poesia legata al calcio:  #ilpoetanelpallone. In questi versi vi presenta il nuovo campionato che sta per iniziare

La regina incontrastata è’ chiaro, è evidente ed è logico che sia la Juventus. Definire la società torinese così vuol dire pensar che questo campionato ha un esito finale già scontato: sesto scudetto consecutivo per la super corazzata.

Come affermare il contrario? Dopo aver effettuato una rimonta mostruosa lo scorso anno, ha aggiunto alla sua rosa ancora maggior qualità: Dani Alves, Pjaca, Pjanic e Higuain. Almeno i quattro nomi più sonanti e di prestigio internazionale. Fra l’altro gli ultimi due presi a suon di milioni alle due possibili contendenti Roma e Napoli. Per cui si prospetta un dominio incontrastato in italia e una fiduciosa speranza nel cammino europeo. Che sarà dunque delle altre diciannove squadre?

Vediamo cos’ha creato il Poeta nel Pallone per descriverci questa serie A

LA REGINA INCONTRASTATA 

Se ne sta seduta beata e appostata

potente e imponente siede sul trono

e al suo quintetto tutto italiano

v’ha affiancato un potenziale che fa frastuono:

Dani, il brasiliano che cavalca l’onda

Pjaca, il gioiello croato misconosciuto

Pjanic, che usa il pennello su punizione

Higuain, goal di nome e Pipita di cognome.

Come divellerla dal suo trono? A codesta signora?

 

E le altre? Ahi che flebile speranza per la restante spora?

La lupa giallorrossa è assai affamata e il nocchiero calvo

la vuol guidare verso l’alto,

Il Napoli senza il suo argentino, riuscirà a sopperir ai suoi difetti?

Restan poi le milanesi. Più che patroni i loro presidenti son anagrammi,

simpatici non metto in dubbio, ma quanto interesse per gli alti traguardi?

Gli uni si affidan a Icardi, ma non conoscon il calcio boemo

gli altri, prendon l’aereoplano, ma giungeranno al traguardo estremo?

E che si dice da Firenze, laddove si spera che il capitan spagnolo

non ceda alla lusinghe altrui e disprezzi l’oro?

 

Stan poi sedute, quasi come un coro

tutte le altre le quattordici comare.

Gloriosa Lazio che saluta i fasti del passato

il giovin Sassuolo che l’altro ieri l’Europa quasi ha conquistato

la Dea bergamasca affidata al figliol prodigo Paloschi

il Toro serbo dal Gallo vuol esser incantato

il Grifone che in Pavoletti spera per la stagione

la signora doriana nel Quaglia goal s’è tutta data

la solida clivense tutta lavoro e coralità

la squadra di Balanzone s’affida al Destro e all’esperto allenatore1

senza il suo Totò che mai sarà l’Udinese?

e il Palermo senza società, pur alle prese con la serie A?

L’Empoli s’è tutto conservato  e nel suo trequartista resta cullato

e s’alzano le ultime tre, col lor profumo di mare

son fra le più giovani comare.

Gli squaletti rossoblù con l’entusiasmo loro accanto

gli isolani che son tornati con faraonico mercato

e i pescaresi azzurra vetrina delle giovani rose da coltivare.

 

Or la Regina s’alza da trono e lo scaglia per comandare?

chi le si opporrà delle altre comare?

Note:

1)Balanzone è la maschera del teatro di Bologna

@ produzione riservata copyright Poetagiorn84

LEGGI ANCHE – DESTROSECCO! I MODI PER INTERAGIRE…

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.