Inter: da un estremo all’altro in 90 minuti

186

Irresistibili nella prima mezz’ora, senz’anima nella ripresa. Tre punti fondamentali, ma Inter – Fiorentina conferma la mancanza di equilibrio dei nerazzurri

Dalla perfezione all’immobilismo; dall’atteggiamento sfrontato al terrore di perdere anche le partite ormai in tasca. E’ ormai evidente che l’Inter abbia un problema di equilibrio. Un problema che inizia ad essere preoccupante. Con la Fiorentina i nerazzurri sono parsi irresistibili nei primi 25 minuti, tanto da chiudere i conti con un perentorio 3-0 quando non era nemmeno il ventesimo. Poi, come già visto in Europa League contro il Beer Sheva, il calo. La squadra si è adagiata pensando di aver già vinto e man mano ha concesso ad una Fiorentina troppo brutta per essere vera la possibilità di rientrare in partita. Almeno in Israele c’era di fronte una squadra pronta a tutto pur di rimontare; i viola, invece, non hanno sicuramente fatto l’impossibile per recuperare. Fortuna che nel finale la rete di Icardi ha chiuso definitivamente i conti e scacciato le paure.

L’Inter aveva già palesato problemi di equilibrio, passando da partite strepitose a gare disastrose nel giro di tre giorni. Ora si va da un eccesso all’altro nell’arco dei soli 90 minuti e sembra di rivedere la Pazza Inter di qualche anno fa. Inutile dire che quell’Inter, per quanto regalasse emozioni, non vinse nulla. Quale sia il motivo di questi estremi non è chiaro, ma Pioli ha il compito di capirlo e risolvere il prima possibile. A tratti sembra che la squadra non sia in grado di correre con la stessa intensità per più di un tempo. Ma a questo punto della stagione sarebbe grave se una rosa non fosse in condizione a tal punto. Un calo durante i 90 minuti ci sta, ma un crollo ogni volta no. Possibile allora che sia una questione di testa. Cali di concentrazione? Atteggiamento superficiale quando la partita sembra chiusa? Un misto tra le due, probabilmente.

Il lato positivo della questione è che i nerazzurri hanno dimostrato di poter affrontare chiunque a viso aperto: se scende in campo con il giusto atteggiamento, questa Inter ha le carte in regola per giocarsela con tutti. Resta solo da vedere se l’atteggiamento riuscirà a restare costante per tutta la partita. Pioli ha trovato il punto su cui concentrarsi per risalire la china. A partire dal Napoli, altra partita simile a quella di ieri sera, altra partita da non sbagliare.

Fonte immagine: Tuttosport

Previous articleNapoli: La sindrome del secondo anno
Next articleGossip sportivi: Miss Italia a canestro!
Interista; considero il calcio un divertimento, e come tale non va preso troppo sul serio. Così come i miei articoli. Non credo nelle autodescrizioni. Non puoi chiedere a qualcuno di descriversi oggettivamente. Non può, per natura. Quando ci guardiamo allo specchio, ad esempio, ci vediamo 5 volte più belli di quello che in realtà siamo. Ecco perchè hanno inventato le foto. Poi sono arrivati il fotoritocco, Instagram e i filtri, ma per fortuna abbiamo ancora la fototessera sui documenti. Dicono che un ladro non ammetterebbe mai di essere un ladro. Ma io non sono mica un ladro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.