Italia, Europei: Chi ben comincia è a metà dell’opera

239
Photo by Reuters

Italia, Europei: Una buona Italia vince e convince con cuore e tattica degni della migliore tradizione della squadra quattro volte campione del Mondo.

Italia, Europei: Ottima prova degli azzurri che vincono 2-0 e grazie al pareggio tra Irlanda e Svezia, prendono la testa del girone. Venerdì sfida aperta contro Ibra e compagni. La Svezia è un’altro ostacolo dura da superare ma con la compattezza e la forza del gruppo potremmo farcela.

Tutto è cominciato così

Photo by Ap
Photo by Ap

Stadio pieno, maggioranza di tifosi del Belgio (18 mila) e noi in minoranza con appena 11 mila. Il resto tifosi neutrali, francesi e non, che si sono voluti regalare una serata diversa.

Tutto è iniziato la sera prima con i tifosi di entrambe le squadre che cantavano e gioivano insieme, come fratelli, come se tutto quello successo in questi primi giorni di europeo non fosse mai accaduto e come dovrebbe essere una manifestazione cosi importante. Bisogna lanciare segnali di questo tipo per migliorare le cose (ma questo è un’altro discorso e magari lo approfondiremo in seguito).

Detto questo veniamo alla partita. L’italia di Conte propone il suo solito modulo 3-5-2 con Darmian e Candreva esterni e Pellè-Eder coppia d’attacco.

Photo by Afp
Photo by Afp

Iniziamo la gara un pò impacciati ma la grinta e la voglia di dimostrare che siamo l’Italia è più forte delle carenze tecniche che tutti ci riconoscono. E vero non siamo la Nazionale più bella degli ultimi anni, è vero che in squadra non abbiamo campionissimi è vero tutto ma sinceramente, a noi non ce ne frega niente perchè siamo i quattro volte campioni del Mondo e perchè abbiamo due palle quadre e la voglia di dimostrare che le critiche non ci abbattono ma ci rafforzano. Ed è proprio così, quando al trentaduesimo del primo tempo Bonny si inventa un’assist al bacio (avrà imparato dal suo ex compagno Pirlo) per l’inserimento di Giak che la butta dentro, e proprio in quel momento che il brutto anatroccolo diventa cigno e ci riveliamo per quelli che siamo. NOI SIAMO L’ITALIA.

Photo by Getty
Photo by Getty

Il Belgio sembra la brutta copia della squadra di enormi talenti che fin qui a stupito tutti arrivando anche nelle zone alte del Ranking UEFA. Lukaku sembra non in serata (sopratutto quando sbaglia un goal dopo che Darmian, con un suo svarione, gli regala un assist al bacio), De Bruyn sembra non essere sceso in campo e l’unico che cerca di alzare la media è Hazard, ma da solo non ce la può fare. E così alla fine del primo tempo andiamo con il vantaggio di un goal e con la convinzione che la partita potrà prendere una bella piega. Buffon prima di rientrare negli spogliatoi va sotto lo spicchio dei tifosi azzurri agitando il pugno e provocando la reazione gioiosa degli 11 mila che alzano i decibel del calore italiano. La ripresa prosegue sulla falsa riga della prima frazione anche se il Belgio inizia a macinare gioco e noi subiamo un pochino, ma questo ci porta a giocare come siamo più abituati a fare e cioè in contropiede. Ed è proprio da questi contropiedi che creiamo le tre palle goal che solo uno strepitoso Cortuois ci nega di infilare in rete. La prima su colpo di testa di Pellè, la seconda su tiro di Immobile e la terza sempre su azione corale. Poi mentre ormai la partita volgeva al termine un’azione ben orchestrata, sempre in contropiede, ci porta al secondo goal con una bella girata sempre di Graziano Pellè che chiude i giochi. Set, partita, incontro, come direbbero nel gergo tennistico.

Photo by Getty
Photo by Getty

Alla faccia di chi già soffre di disfattismo cosmico, secondo il quale è stata una vittoria che ha gettato solo fumo negli occhi di chi tifa “veramente” la nostra Nazionale, possiamo rispondergli che magari ha pure ragione, che forse ci stiamo illudendo, che può darsi che rimanga l’unica gioia in questo torneo, ma sinceramente, per quanto mi riguarda, ce ne possiamo fregare altamente di questa gente che non gioirà mai per queste piccole vittorie ma lo farà solo alla conquista di grandi titoli. Oh!!! cosa fa lìopportunismo……

A tutti questi disfattisti noi gli rispondiamo con questa immagine che “noi tifosi” sempre e comunque portiamo nel cuore…..FORZA AZZURRI ANDIAMO AVANTI E STUPIAMO L’EUROPA

Photo by ANSA
Photo by ANSA

CIAO GUFI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.