Juve Real – Tachicardiff…fra pizza e birra…c’è chi tifa e chi guferà

297

Tachicardiff: Juve – Real, sì ci siamo – Tutto il mondo stasera avrà gli occhi sulla finale di Cardiff. Ci sarà chi tiferà da osannato e chi invece guferà

Juve – Real è ormai iniziato il countdown, che porterà alla diretta delle 20.45. E’ Cardiff, città sita in Galles, il teatro dello scontro fra la Vecchia Signora juventina e i Blancos del Real. Due squadre giunte con pieno merito a questa finale, perché hanno sbaragliato tutte le concorrenti, senza pietà.

Una sfida nella sfida: Buffon contro Cristiano Ronaldo. Il miglior portiere degli ultimi dieci anni opposto al miglior attaccante degli ultimi anni. Certo non saranno soltanto loro i protagonisti di questa affascinante sfida. E’ un campionario di campioni e temerari vittoriosi: Dybala, Higuain, Dani Alves, Khedira (peraltro un ex), Bonucci e dall’altro lato citiamo Marcelo, Benzema, Bale, Modric, kroos e Sergio Ramos.

JUVE REAL: un’analisi tattica

La partita dal punto di vista tattico si configura come il classico scontro Italia – Spagna, un dejavu degli ottavi agli Europei dello scorso anno. E’ assai probabile che il Real di Zidane imposterà la partita su un piano offensivo, mentre mister Allegri opterà per una soluzione difensiva. In realtà, più che difensivismo sarà meglio parlare di copertura equilibrata. La grandezza di questa Juve è nel saper gestire le forze, il pressing e saper incidere nel momento che conta. Così è stato ingannato il Barcellona, convinto di ossessionare l’avversario fino a farlo scoppiare ed invece s’è trovato ko dopo cinquanta minuti. Così la Juve ha saputo resistere alla pressione del Camp Nou  e a quello dinamico del Monaco.

SEMrush

Certo il Real Madrid fa paura, come stima e come avversario. Sopratutto questo Real, come quello dello scorso anno, è più bilanciato di quello ancelottiano. E’ in grado di difendere, sa controllare l’avversario, ha carattere ed è capace di infilzare la squadra avversa con rapidità e continuità.

Ora la chiave tattica non sarà, probabilmente, la linea mediana, bensì le fasce. Se la Juve saprà forzare il pressing con gli esterni (e con l’aiuto delle due punte di rientro), gli spagnoli soffriranno tremendamente e saranno in difficoltà. Di contro, seppur la barriera bianconera pare invalicabile, la squadra piemontese non dovrà concedere spazio alle trequarti avversaria. In questa zona del campo Isco e Modric (quando agisce più avanti) possono creare parecchi problemi alla cintura juventina (Pjanic non dovrà essere troppo leggero)  e consentire a Ronaldo e Benzema di lanciarsi verso la porta.

LA CHIAVE TATTICA: Mandzukic

Il jolly a favore di Allegri si chiama Mandzukic. Il croato, riscoperto mezzo trequartista dal tecnico juventino, è l’uomo che ha sconvolto i piani del Barcellona con il suo pressing, le sue discese, le sue sponde e i suoi inserimenti. Questo ruolo inedito può creare gli stessi problemi alla fascia opposta del Real, che non sa difendere sulle fasce e verrebbe costretto ad un annoso lavoro di restrinzione dello spazio di manovra in quella zona di campo. Oltretutto lo stesso può all’occorrenza mutarsi in punta aggiunta, senza sbilanciare la sua squadra, ma anzi aggiungendosi in copertura.

JUVE REAL: fra pizza e birra c’è chi tifa e chi guferà 

Juve Real non sarà solo uno scontro agonistico, ma anche tifo-social. Tifosi bianconeri pronti ad affollare le piazze italiane, in primis piazza San Carlo e Parco Dora a Torino dove sono previsti i due maxischermi. Tifosi avversari (milanisti e interisti e romanisti e fiorentini ecc…) pronti a gufare la storica rivale. Anti-italiani pur di veder perdere la Juve e non assistere al completamento del triplete. Qualcuno magari sarà in mezzo ad amici juventini, qualcun’altro avrà creato il cosidetto “nido dei gufi” e infine ci sarà chi farà l’indifferente, se la Juve dovesse vincere e si limiterà a una stretta di mano. Ci sarà il milanista nostalgico delle notti eroiche d’Europa e l’interista orgoglioso e speranzoso che il triplete 2010 non sarà ripetuto.

Dalle 19 di oggi partiranno stati su Facebook di malaugurio sportivo e qualche internauta si divertirà a creare nuovi hashtag e a stupire gli altri con stati ironici.

In fin dei conti Juve Real è anche questo: gufi invidiosi vs juventini.

Siamo a meno di 24 ore da una serata d’emozioni, sensazioni e vibrazioni. Juve Real è la finale di Champions.

E’ iniziato il countdown! E’ iniziata la #Tachicardiff come la chiamano da due giorni…

Juve Real – Tachicardiff…fra pizza e birra…c’è chi tifa e chi guferà

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.