Juventus – Cagliari: bianconeri a due facce

255
La Juventus festeggia durante la vittoria in casa contro il Cagliari

Juventus – Cagliari: bianconeri a due facce

Una Juventus dai due volti vince contro il Cagliari. Il risultato non deve ingannare, perchè gli isolani hanno fatto la loro partita senza tirarsi mai indietro, giocando a viso aperto e tentando sempre l’affondo senza chiudersi in difesa.

Eppure, dopo 45 secondi (il secondo goal più veloce della Juventus in Serie A), Paolino Dybala attacca ed inventa un goal strepitoso, saltando gli avversari e uccellando Cragno, nonostante fosse già per terra.

Juve-Cagliari: vantaggio immediato

Quindi, pronti – via, Juventus in vantaggio e che pregusta la goleada; ed effettivamente, per i primi 20 minuti, sembra che il copione della partita sia già scritto. Ma, come sta succedendo troppo spesso, i bianconeri, segnato il golletto, tirano i remi in barca lasciandosi andare alla sufficienza e all’accademia senza costrutto, convinti della vittoria senza patemi. Ed invece no! Ci sono gli avversari che vanno sempre rispettati e temuti chiunque essi siano.

Cagliari: meritato pareggio

E infatti il Cagliari, non si scompone e comincia a tessere la tela, piano piano, con costanza, fino ad arrivare al meritato pareggio con Joao Pedro che stoppa in area, si gira e segna il punto del 1 a 1 lasciando di stucco Cancelo. Sia chiaro: il portoghese non ha ancora bene in testa i meccanismi difensivi, è un esterno d’attacco che si sta adattando a fare il terzino. Se in avanti fa cose superbe, indietro lascia ancora a desiderare. Ma, ripeto: non è il suo compito.

Juventus: non ci siamo

La Juventus ritorna in campo non frastornata dal goal, certo, ma ancora una volta colpita per la propria superbia. E’ evidente che la squadra non è ancora matura e troppo convinta dei propri, infiniti, mezzi tecnici.

Juve in vantaggio: ma che fatica

Si ricomincia a macinare, con Il Cagliari attento ed ordinato. Azione sulla sinistra di Ronaldo il quale crossa in area nella quale il povero Bradaric, nel tentativo di spazzare via, la butta nella propria porta. Il dramma sportivo è consumato. Il croato semba abbastanza colpito da questo fatto, tanto da perdere diversi palloni e da arrischiarsi in un intervento di spalla che l’arbitro ha dovuto dirimere grazie al VAR. Infatti verrà sostituito da Maran.

Juventus nuovamente in vantaggio alla fine del primo tempo!

Juve -Cagliari: secondo tempo

La seconda frazione comincia così come è terminata: Juve in possesso sterile e Cagliari pronto all’affondo. Bisogna dire, però, che stavolta la Juve rischia davvero poco anche grazie ad una migliore organizzazione e grazie ad un CR7 sempre pronto a trascinare la squadra.

CR7 goleador pazzesco

A proposito: il portoghese è stato premiato per i 400 goal segnati in squadre di club con una maglietta celebrativa e direttamente dal presidente Agnelli. La risma di questo campione è incalcolabile.

Juve-Cagliari: 3 a 1

Nel secondo tempo segnaliamo un palo (che ancora trema) di Cristiano Ronaldo, un assist sempre del n° 7 bianconero che Dybala decide di sciupare per la voglia smodata di fare il fenomeno ed un altro assist (chi ha detto CR7?) per Cuadrado che innesta la quinta e arriva in porta con il pallone.

3 a 1 e tutti a casa!

Il commento del tifoso

Ripeto: un Cagliari davvero gagliardo messo in campo in modo splendido da Maran, con tutti gli undici al loro posto.

A Torino, invece, si dovrebbe riflettere sul perchè la squadra non abbia voglia di affondare dopo aver segnato il primo goal: sembra quasi apatica, bisognosa di uno schiaffone per riprendersi. Allegri ne ha da lavorare.

Top player: Bentancur

Giocatore top della partita: Bentancur. Un perno assoluto del centrocampo, smista palloni, corre, suda, scalcia, si propone. Un vero, piccolo, leader.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.