Juventus, mai sottovalutare l’avversario in Champions League

251
Esultanza di Mandzukic dopo il 2-1 a Napoli

Ritorna la Champions League con i bianconeri che affronteranno gli svizzeri dello Youg Boys. Nel match di martedì alle 18:55 la Vecchia Signora ha la possibilità di conquistare altri 3 punti dopo la vittoria del Mestalla. Guai a sottovalutare l’avversario, in Champions League non c’è mai niente di scontato.

Saranno gli svizzeri dello Young Boys i prossimi avversari della Juventus in Champions League. I bianconeri ospiteranno all’Allianz Stadium i campioni di Svizzera in carica nella partita delle 18:55. La Juventus si presenta all’appuntamento con la seconda giornata di Champions League in un momento di grande forma. Dopo la vittoria nella prima partita al Mestalla contro il Valencia, e la vittoria in campionato contro il Napoli, i bianconeri viaggiano a punteggio pieno in tutte le competizioni. L’assenza di Cristiano Ronaldo non dovrebbe preoccupare la squadra di Allegri che ha una rosa di qualità enormemente superiore rispetto a quella dello Young Boys. Ma nel calcio mai nulla è scontato e tutte le vittorie devono essere conquistate sul campo.

Rose a confronto

Mettendo a confronto le rose delle due squadre il confronto è impari. Il sito Transfermarkt valuta la rosa degli svizzeri 66,10 milioni di Euro. Poco più del valore dato al solo Miralem Pjanic (65 milioni di euro). Per avere un termine di confronto il valore assegnato alla rosa della Juventus è 768,50 milioni di Euro, quasi 12 volte superiore. Il miglior giocatore degli svizzeri dovrebbe essere Roger Assalé, attaccante ivoriano autore di 3 gol e 3 assist in 7 presenze nel campionato svizzero.

Per questa partita ci si aspetta da Max Allegri un discreto turnover. Ci potrebbe essere l’esordi in Champions League dal primo minuto di Rodrigo Bentancur, non convocato per Valencia, e l’esordio stagionale del giovane Moise Kean. In assenza di Cristiano Ronaldo e con Douglas Costa ancora infortunato, l’attacco potrebbe essere composto da Dybala, Mandzukic e Bernardeschi. Khedira ha ricominciato ad allenarsi in gruppo, ma difficilmente Allegri rischierà mettendolo in campo. Probabile un turno di riposo anche per Pjanic, uscito malconcio dall’incontro col Napoli.

L’inizio degli avversari

Gli svizzeri sono approdati in Champions League vincendo il preliminare contro la Dinamo Zagabria. Lo Young Boys, dopo il pareggio in casa per 1:1, ha conquistato la qualificazione vincendo per 1:2 in Croazia. Nella prima giornata del girone di Champions League hanno avuto di fronte il Manchester United, che si è imposto con un secco 0:3 sull’erba sintetica dello Stade de Suisse di Berna.

Tra i confini svizzeri il percorso degli uomini di Gerardo Seoane è stato perfetto. Nove vittorie su nove in campionato con una differenza reti di +26. Qualche difficoltà in più in Coppa Svizzera, dove lo Young Boys ha superato, in partita secca con il punteggio di 2:3 dopo i tempi supplementari, prima la formazione di quarta serie del Bien Bienne e poi la squadra di seconda serie dello Schaffhausen.

Quindi una squadra abituata a vincere e che sa fare gol, anche se non sempre efficace in coppa, tranne per la vittoria di Zagabria, agguantata con la doppietta in due minuti di Hoarau nel secondo tempo, quando gli svizzeri si trovavano sotto per 1:0.

Obbligatorio vincere

Una partita che la Juventus ha l’obbligo di vincere per diversi motivi. Primo fra tutti mettere la prima ipoteca sulla qualificazione agli ottavi di finale di Champions League. Dopo la vittoria fuori casa a Valencia, vincere contro gli svizzeri significherebbe portarsi a 6 punti nel girone e affrontare la trasferta di Manchester senza l’assillo di dover portare a casa la vittoria, potendosi accontentare anche di un pareggio per poi giocarsi il primo posto in casa. Vincere contro lo Young Boys permetterebbe alla Juventus di continuare la propria striscia vincente che dopo la vittoria contro il Napoli è arrivata a 8 partite tra Champions League e Serie A. In ultimo non vincere in casa contro una squadra di livello tecnico chiaramente inferiore come lo Young Boys potrebbe avere delle ripercussioni sull’aspetto psicologico della squadra, sicuramente infiammerebbe le polemiche.

La Juventus sarà priva di Cristiano Ronaldo in forza della squalifica subita dal fenomeno lusitano dopo l’espulsione di Valencia. Fino ad oggi Cristiano è stato l’unico giocatore partito sempre da titolare e mai sostituito. La suq assenza dà la possibilità a chi lo sostituisce di poter mostrare il proprio valore e dimostrare che la Juventus sa vincere anche senza il suo giocatore più forte. Non è un aspetto da sottovalutare, soprattutto per giocatori come Dybala che hanno il bisogno di tornare decisivi e di acquistare fiducia.

Non un avversario irresistibile, da affrontare con la consapevolezza di essere più forti degli avversari, ma anche con la certezza che in Champions League nessuna partita è facile e che senza il giusto impegno si rischia di non fare risultato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.