Juventus Stadium contestazione: Juve un mondo perfetto o quasi

474

Juventus Stadium: cosa chiedere di più?

Una squadra che vince, domina, asfalta gli avversari sia allo Juventus Stadium che lontano da casa. Il sogno di ogni tifoso che si dica tale. Eppure in quel di Torino pare non basti. E’ in atto una contestazione verso la società per il caro biglietti allo Juventus Stadium. Effettivamente, il costo è salito in modo quasi vertiginoso ma, onestamente, in linea con i top club europei. Bisogna capire che la società sta attuando una rivoluzione copernicana in un ambito asfittico come quello del calcio italiano, ancora ancorato a vecchie logiche politiche e clientelari che lo tengono fermo ed ostaggio di loschi personaggi come un certo Lotito (e non solo lui).

Agnelli & co. stanno cercando di elevare la società Juventus F.C. a rango di società internazionale non solo vincente dal punto di vista sportivo, ma anche di quello economico.

La Juventus come esperienza

Seguire la squadra all’Allianz Stadium diventa un’esperienza e va pagata come tale. E lo dico da tifoso accanito. La società fa e farà degli investimenti importanti che si ripagano anche grazie ad un asset strategico come è quello dello  stadio. Non per nulla si è optato per la scelta di avere un catino da 41.000 spettatori, ma sempre pieno e di gran lusso. Assistere alle partite all’ex Delle Alpi è come guardarle nel salotto di casa, tutto visibile da tutti gli angoli, anche in piccionaia.

Vogliamo una grande squadra?

Tornando agli investimenti: non solo lo stadio, ma il J – Medical, il nuovo centro sportivo alla Continassa, il marchio mondiale, la squadra B, la squadra femminile. Insomma un club moderno e lontano anni luce dai concorrenti italiani. Stiamo anticipando nelle scelte anche squadre blasonate come quelle inglesi; ad esempio con la scelta del nuovo logo: un simbolo della squadra, ma anche marchio riconoscibile per tutto, abbigliamento, accessori o quello che vi pare. Siamo stati i primi.

E tutto questo porta all’acquisto di un certo CR7 il quale, con tutto l’amore ed il rispetto che ha potuto provare per noi tifosi che lo abbiamo applaudito dopo la prodezza della scorsa CL, non avrebbe scelto Torino come meta se non fosse stato sicuro di avere un club alla sua altezza. E questo porta e porterà visibilità per arrivare ad altri campionissimi che fino a pochi anni fa non ci avrebbero visto di buon occhio, a voler essere buoni.

La Juventus è una fede

Quindi, non capisco e non capirò mai questa contestazione. La Juventus sta facendo passi da gigante e sta sfondando la porta del futuro.

Io la seguirò accettando ogni scelta.

Perché la Juve è una fede.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.