La Nigeria vede Rojo: albiceleste agli ottavi

266

Rojogoal e l’Argentina batte la Nigeria: i tifosi dell’albiceleste festeggiano

Rojo in spagnolo significa rosso. La sensazione da profondo rosso i tifosi argentini l’hanno provata fino al minuto ’86 quando il difensore del Manchester United, 910 minuti giocati questa stagione, classe 1990, 28 anni, calcia di prima intenzione sul cross di Mercado.
E tutta l’Argentina esplode di gioia. Prima c’era stato il goal di Messi, il rigore per la Nigeria, il var per un possibile altro penalty per gli africani, il sangue di Mascherano ed infine i festeggiamenti per il pericolo scampato. Maradona in tribuna che regala uno show unico da invasato. Dito medio, poi si sente male, ma fa impazzire gli argentini e i tifosi napoletani che lo amano.
E Sampaoli? Le critiche continuano a non mancare.

Armani non è Caballero
Il portiere titolare del River Plate fa una partita onesta, senza grandi spunti ma soprattutto non ripete gli errori della partita contro la Croazia. Ottimo su un’uscita sul finale in cui chiude bene. Sarà lui il titolare nell’ottavo contro la Francia

La difesa: più attenzione
Sampaoli aveva cambiato ancora: torna Rojo titolare, era stato in panchina contro la Croazia e fuori Salvio. Scelta azzeccata. Il tecnico ex Siviglia finalmente sta trovando le soluzioni giuste?

Il centrocampo: più qualità
Acuña si siede in panchina ed entra Banega, ex Inter e Valencia. E il numero 7, attualmente al Siviglia, regala l’assist che Leo Messi trasforma in oro. Nel secondo tempo entra Pavón che però finora è risultato tutt’altro che convincente sull’esterno.

L’attacco: Higuain non decisivo
Anche davanti i tifosi si aspettavano un cambio. Ed ecco che l’attacco è rivoluzionato con Di Maria, Messi e Higuain, con Meza e Aguero che si accomodano vicino a Sampaoli. El Kun entrerà alla fine e non è detto che riparta titolare contro la Francia. Dybala ancora fuori dalle prime scelte nonostante Di Maria e Pavón non stiano brillando.

Argentina-Francia
Contro i galletti l’albiceleste partirà sfavorita. I francesi hanno un centrocampo di qualità e il grande bomber Griezmann davanti. Sarà l’ennesima sfida Griezmann-Messi che si sono già affrontati nella Liga nei match Barcellona vs Atletico Madrid. Appuntamento sabato 30 giugno alla Kazan Arena. Sarà una sfida da dentro o fuori. Il tecnico della Francia Didier Deschamps che conosce bene il calcio italiano, teme la garra argentina, che può trasformare le critiche in rabbia calcistica.
Comunque complimenti all’Islanda e alla Nigeria che hanno disputato un ottimo girone. Ora occhi alla sfida di Kazan in cui Sampaoli dovrà fare attenzione anche alla forza del centrocampo francese guidato da Nzonzi, giocatore del Siviglia e Paul Pogba ex Juventus, che attualmente milita nel Manchester United.
Ecco altri tre derby: Banega vs Nzonzi e Matuidi contro Higuain, sfida tra compagni di squadra.
Sperando che Sampaoli non metta in campo Caballero contro il compagno di squadra Giroud.

Rojo aveva sognato il goal

Prima del match: la polveriera argentina

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.