Latina: Inizio nel peggiore dei modi

269
Photo by w3.org

Latina: Inizio nel peggiore dei modi, dopo un buon avvio perde a Verona con il risultato di 4-1.

Una rivincita per l’ex mister Fabio Pecchia, mandato via da Latina ancora non si sa per quale motivo, dopo che aveva fatto arrivare la società pontina al primo posto in lega pro.

Un Latina che arriva a Verona con molto assenze ( in 11 sono rimasti a casa), e che schiera un 3-5-2 con  Pinsoglio, Brosco, Dellafiore, Garcia Tena, Rocca, Mariga, Amadio, De Vitis, Scaglia, Acosty, Paponi, una squadra che tolti 2/3 giocatori è completamente nuova e quindi deve faticare per trovare sintonia fra di loro.

L’Hellas Verona dal canto sua si presenta a questa prima partita nel campionato cadetto, forte della sua storia, con in campo un Giampaolo Pazzini che non vuole stare a guardare questa Serie B, ma ne vuole essere il protagonista e che riesce a farlo capire subito segnando contro il Latina la 150 rete in gare ufficiali da professionista.

Purtroppo per quanto riguarda il Latina c’è poco da segnalare, per tutta la partita i nostri si sono trovati in balia delle azioni dei veronesi, che hanno dimostrato il loro superiore valore tecnico ed organizzativo.

Il Latina ha provato a rispondere e per qualche minuto all’inizio della partita era riuscito a chiudere gli spazi al Verona e anche a trovare immediatamente il pareggio  con un eurogol di De Vitis, la palla colpisce la traversa, poi sbatte sulla schiena dello sfortunato Nicolas ed entra in porta.

Ma i buoni propositi si fermano dopo qualche minuto e il Verona torna padrone della partita, trovando il raddoppio con il gol di Pazzini e il tris con Bessa per poi addormentare la partita.

Il Latina non è mai veramente pericoloso nè nel primo nè nel secondo tempo, nonostante cerchi di aumentare la pressione, non trovando però spazi con un Verona superiore che invece ci punisce con il quarto gol quando i nostri cercavano di riaprire la partita.

Ci resta quindi la delusione per questa sconfitta così ampia, però sicuramente non è contro una delle candidate alla promozione in Serie A che dobbiamo valutare la nostra squadra, che ricordiamoci deve puntare alla permanenza in Serie B.

La squadra è nuova, l’allenatore è nuovo, il campionato è lungo, siamo solo alla prima e c’è tempo per costruire una stagione migliore della precedente. Però certo c’è bisogno di lavorare, forza Latina!

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.