LE PAGELLE ROSSONERE: MILAN, E‘ ORA DI RIMBOCCARSI LE MANICHE

242
sipario

 

Suso Milan

 

La sconfitta rimediata contro la Juventus ha un sapore indigesto. Non tanto perché si è perso contro la Signora, ma per il modo in cui è maturata. Ennesima partenza shock e due reti incassate nella prima mezz’ora. In quattro partite sono sette le reti subite entro i primi trenta minuti. Questo è un dato pericolosissimo e che deve far riflettere

Ieri sera, contro la Juventus, il Milan ha incassato ancora due reti in meno di trenta minuti. Una volta può essere un caso, due una coincidenza, ma alla terza inizia a essere una pericolosa abitudine. La rotta deve essere invertita già a partire dalla gara di domenica contro l’Udinese. Non è possibile dover giocare ogni sfida in rimonta. Sul lungo termine è un atteggiamento che paghi. Sia a livello di risultati negativi, sia a livello fisico.

Suso, Bonaventura e Abate, i tre giocatori più spremuti, sono parsi davvero in difficoltà. Hanno bisogno di rifiatare. Qui però sta il problema: i ricambi non sono all’altezza. Motivo per cui sarà molto interessante vedere Deulofeu all’opera (ieri sera è entrato davvero bene a partita in corso) e cercare di capire se nella restante finestra di mercato sia lecito aspettarsi un altro colpo. Dipendesse da me, cercherei un centrale di centrocampo. Bertolacci, da tanti osannato nell’ultimo periodo, mi sembra un giocatore perso. Goffo, lento, impacciato e annebbiato. Sosa è anche lui un punto interrogativo. L’unica certezza è che non può essere titolare. Locatelli è il futuro, in campo se la cava molto meglio di compagni più esperti, ma pecca ancora troppo di inesperienza. Il rosso di ieri sera è stato eclatante. Anche lui non può fare tutta la stagione da solo, quantomeno dovrebbe essere supportato da un compagno di altissimo livello. L’unico che attualmente salvo in mediana è Kucka. Corre come un dannato e unisce, a tratti, una buona tecnica. E’ il giocatore da cui il Milan, in questo momento, non può prescindere. Anche Pasalic è troppo acerbo.

Non abbiamo nessuno che si prende la responsabilità di iniziare la manovra e farsi letteralmente passare il pallone. L’unico che ci prova è Bonaventura, ma da quando è stato spostato in attacco, è molto meno al centro della manovra. Quando lo fa crea automaticamente un disequilibrio tattico dovendo sempre arretrare troppo. Fateci caso, da quando Jack lavora da esterno alto, la macchina Milan si è inceppata. Non è una coincidenza. Questo è il motivo per cui penso che Deulofeu possa davvero essere il colpo azzeccato, almeno per poter rimettere Bona in un ruolo più utile alla squadra.

Sicuramente non possiamo pensare di continuare tutta la stagione così: le rimonte succedono raramente e sarebbe da folli pensare di impostare il girone di ritorno così come stiamo facendo ora. Urge un cambio immediato: voglio apprezzarlo già Domenica.

Vediamo, invece, come si sono comportati i nostri beniamini contro il Napoli:

Donnarumma: 6 – Prende ancora due gol in un brevissimo lasso di tempo. Questa volta non ha particolari colpe. Qualche errore con i piedi, ma per il resto para in maniera sicura. Ottimo il salvataggio su Pjanic. MURO

Abate: 5 – Partita opposta rispetto a quella con in Napoli. Rimane schiacciato dal lavoro di Asamoah. Lo soffre tantissimo. Serata no. Sbaglia tanto e corre poco. STANCO

Zapata: 6 – Onestamente avevo i brividi all’idea di rivederlo in campo dopo la lunga assenza. Buona la sua prova. Veloce e attento nei limiti di quella che è l’avversario. LUCIDO

Romagnoli: 6 – Chiude tutti gli spazi centralmente, incolpevole sul primo gol. Fa passare una brutta serata a Higuain che è costretto a svariare su tutto il fronte. RINATO

Antonelli: 5.5 – Fuori forma. Come attenuante gli concedo lo spessore degli avversari, Cuadrado e Dybala non sono facili da fermare. Da lui, però, ci si aspetta di più. ABULICO

Kucka: 7 – Il migliore tra i Rossoneri. Il primo a combattere e l’ultimo ad arrendersi. Grande la sponda con cui serve a Bacca la palla che riapre la partita. TANK

Locatelli: 4 – Loca, così non ci siamo. Nervoso ed elettrico per tutta la sua (breve) partita. Si fa espellere come un ingenuo a causa di un fallaccio su Dybala. Secondo giallo e doccia anticipata.  IMMATURO

Bertolacci: 5 – La moviola umana. Gli avversari gli corrono attorno e lui sembra non accorgersene. Sbaglia tanto e non è nemmeno lucido nelle manovre. AMATORIALE

Suso: 5.5 – E’ stanco e non ha recuperato dal colpo subito contro il Napoli. Come biasimarlo? Gioca da tutto l’anno a mille e spesso da solo. Deve riposare. IN RISERVA

Bonaventura: 5 – Che caos. Sbaglia palloni che di solito accarezza. Perde l’uno contro uno spessissimo e non riesce ad accendere la luce come fa di solito. Come il compagno Suso, anche lui deve assolutamente rifiatare. Perde tanto anche da quando non gioca in mediana. STANCO

Bacca: 5.5 – Ha fatto gol. Va bene. Da lui però ci si aspetta di più. Non può essere estraneo alla manovra per 60 minuti. Un po’ meglio dopo la marcatura quando aumentano gli spazi. ALTALENANTE

Pasalic: 5.5 – Entra e prova a mettere ordine. Non che riesca nell’intento ma almeno non peggiora la situazione. RIVEDIBILE

Deulofeu: 6.5 – Acclamato come Ronaldo, lui si presenta con la sua sciarpa. Entra e si mette in mostra per velocità e dribbling. Se le premesse sono queste, è stato un buon acquisto. Vedremo. BRILLANTE

Honda: s.v

Montella: 5.5- Cominciano i primi problemi. Deve trovare una soluzione a queste partenze horror. Lasciamolo comunque lavorare, il calendario della prima parte non è favorevole al Milan. Sono sicuro che l’Aeroplanino saprà ridare vigore alla squadra già a partire da Domenica. RISOLUTORE

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.