Mandzukic e quella strana voglia di non tornare più

250
Mandzukic: Juve Lazio 2-0

Il ritorno alle origini di Marione è stato molto apprezzato dal nostro gurriero che non ha più nessuna intenzione di tornare indietro.

Il ritardo di forma del Pipita e la difficoltà di risultati della squadra, hanno portato il Mister ha provare soluzioni differenti.

Una di queste è stata riportare al centro dell’attacco il nostro Gurriero. Il suo ruolo naturale, dove si trova a meraviglia.

Il suo spirito di sacrificio, che già da esterno dava un grande apporto alla squadra, ora viene più accentuato ed è più funzionale alla squadra perchè sgravandolo da compiti di copertura, riesce a dare ancora di più alla squadra, anche in fase realizzativa.

La squadra, con lui come riferimento centrale, sembra avere più appoggio in avanti e più sicurezza nel proporre azioni offensive pericolose.

La difesa e il centrocampo, anche, sembrano avere più sicurezza e il non avere subito goal nelle ultime due partite (anche se contro il Barca il Pipita faceva da riferimento centrale) da quella sicurezza in più che, forse, è mancata dall’inizio di stagione.

Ed ora Higuain, quando tornerà, dove si posizionerà?

Il suo infortunio, per assurdo, potrebbe rivelarsi più salutare del previsto.

Ora Allegri sarà “costretto” ad utilizzare Mario centro avanti e se la squadra gioca come nelle ultime due gare, sarà veramente durissima, al suo ritorno, riprendersi il posto.

E’ vero che, nell’ultimo periodo, il Pipita è tornato a segnare con continuità, che lottava su ogni pallone, che aveva fare di vittoria e di goal, ma la sua troppa voglia stava diventando controproducente per lui, in fase realizzativa che per tutta la squadra.

Il suo incaponirsi, a volte, per voler fare per forza giocate senza senso, provocava disagio ai compagni e ci ha portato, spesso, a non raggiungere risultati che potevano essere alla portata.

Insomma, non prendiamola come un grosso dramma, l’infortunio di Gonzalo. Certo dispiace ma, forse, potrebbe rivelarsi una svolta per l’intera stagione.

Ecco, non è solo l’inserimento di Mandzukic come centro avanti a poter segnare la svolta…

Anche il cambio di modulo provato dal Mister, così come lo scorso anno, potrebbe segnare la svolta, nell’intera nostra stagione.

La stagione scorsa fu dopo una brutta sconfitta, quest’anno potrebbe avvenire dopo una serie di risultati altalenanti e dopo che, fino a questo momento, abbiamo regolarmente preso, minimo un goal a partita.

La difesa a tre provata con Howedes centrale…

Finalmente abbiamo visto il tedesco in campo dopo un lungo infortunio.

L’impatto è stato molto positivo. Ordine, disciplina e molto affiatamento con i compagni. Una sorpresa dunque per tutti noi.

Potrebbe rivelarsi la nuova svolta in difesa per arginare il passivo della voce “goal subiti”.

Altra sorpresa è stata lo spostamento, in avanti, dei due esterni, sopratutto Mattia che, al di la del goal contro il Crotone, ha fornito, finalmente, una prova degna delle aspettative che tutti noi ci eravamo fatti.

Il ragazzo è sempre stato segnalato come un giovane che, prima o poi, esploderà e diventerà un campione.

Fino ad ora lo deve ancora dimostrare e continuando così, lo farà (questo e quello che personalmente spero).

In conclusione, questi due accorgimenti tattici potrebbero, a mio personale parere, segnare la svolta della stagione, sia in campionato che in Coppa.

Venerdì avremo la prima prova contro una diretta rivale per lo scudetto. Siamo in ritardo di 4 punti e giochiamo in casa loro, ma questo non ci deve spaventare perchè noi SIAMO LA JUVENTUS FINO ALLA FINE.

Leggi anche….JUVENTUS, UN PAREGGIO CHE NON SERVE A NIENTE

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.