Meersman raddoppia alla Vuelta

241

Alla Vuelta a España vince ancora Gianni Meersman che si dimostra il più veloce in gruppo in un finale condizionato dalle cadute

Dopo due giornate in cui il gruppo ha lasciato fare, premiando il coraggio degli attaccanti di giornata (i francesi Alexandre Geniez lunedì e Lilian Calmejane ieri), quest’oggi le squadre che miravano alla vittoria di tappa con i propri uomini di punta hanno tenuto la corsa chiusa. Spazio quindi ad una fuga molto risicata, composta dai soli Tiago Machado e Julien Morice ai quali è stato concesso un vantaggio di assoluta sicurezza, recuperabile facilmente nel finale quando la velocità è infatti salita ed il gap annullato. La parte più interessante della tappa, come molto spesso accade in queste frazioni interlocutorie, è arrivata negli ultimissimi chilometri con il gruppo già ricompattato. La velocità elevatissima ha prima spezzato il gruppo in vari tronconi e poi ha determinato un paio di brutte cadute (Steven Kruijswijk, uno dei favoriti della vigilia, ha avuto la peggio con la frattura della clavicola), riducendo la testa della corsa a non più di 60/70 corridori. A tre chilometri dal traguardo, con la fila allungatissima, ecco lo spettacolare tentativo di contropiede di Simon Clarke sulla cui ruota è balzato Philippe Gilbert: i due hanno guadagnato qualche secondo e sembravano sul punto di farcela, quando lo strepitoso Zdenek Stybar ha riportato sotto il gruppo, lanciando la volata di Gianni Meersman, perfetto come già a Baiona tre giorni fa. Seconda vittoria di tappa per il bravissimo Meersman che non sta facendo rimpiangere in casa Etixx Quick Step l’assenza dei vari Kittel, Gaviria e Richeze. Finale con un piccolo giallo, visto che la grafica televisiva ed il sito ufficiale della Vuelta assegnavano la maglia rossa ad Alejandro Valverde: è servita quasi un’ora per ricostruire l’ordine di arrivo ed i distacchi al traguardo che dovevano tenere conto di coloro che essendo stati danneggiati dalla caduta occorsa all’interno degli ultimi 3 chilometri avevano diritto allo stesso tempo del vincitore. In serata il simbolo del primato è tornato a John Darwin Atapuma che è giunto staccato di un minuto, ma solamente a causa dell’incidente.

6^ Tappa: Monforte de Lemos – Luintra / Ribeira Sacra [km 163.2]

Domani, dopo sei giorni di corsa, si torna più o meno al punto di partenza, nei pressi di Ourense dove la Vuelta ha preso il via sabato con la cronosquadre. Si parte infatti da Monforte de Lemos, nella provincia di Lugo dove si è conclusa la tappa odierna e con un tracciato arzigogolato si percorrono pochi chilometri in linea d’aria (oltre 160 sulla strada) per raggiungere Luintra, la graziosa cittadina romanica che sorge in spettacolare posizione nei pressi del Cañón del Sil. Trovandoci nell’entroterra galiziano, il percorso procede con un continuo susseguirsi di saliscendi, senza lunghi tratti di pianura, ma nemmeno senza salite degne di nota se non l’Alto Alenza (2^ cat. 10.9 km al 5.1%) che a 50 chilometri da traguardo e senza pendenze importanti non dovrebbe determinare selezione. Tuttavia il finale non è da sottovalutare, visto che la strada continua a salire e scendere ed introduce un ultimo chilometro in leggera ma costante ascesa che renderà la vita estremamente difficile ai velocisti.

Vuelta 6

A mio avviso il quesito fondamentale è se la Etixx Quick Step crederà ancora o meno nelle possibilità di Gianni Meersman: in caso affermativo, abbiamo trovato la formazione che lavorerà per tenere cucita la corsa, altrimenti sarà difficile che qualche altra squadra si sobbarchi tale onere, sapendo che in caso di sprint il belga è il più forte. Delle due, mi sembra più plausibile la seconda ipotesi con il gruppo che lascerà andare via una fuga nelle prime battute per non dover lavorare duramente con il rischio di raccogliere poco o nulla. Spazio allora ad un tentativo a lunga gittata che con ogni probabilità vedrà protagonisti corridori di secondo piano, oppure coloro che già lontani in classifica potranno godere di tanta libertà. Alcuni nomi plausibili sono quelli di Pierre Rolland, Thomas de Gendt, Moreno Moser, Tejay Van Garderen, Cesare Benedetti, Adam Hansen.


Tutte le informazioni sulla Vuelta a España 2016 sul sito ufficiale www.lavuelta.com

Previous articlePotevamo saperlo che…questa serie A iniziasse così
Next articleIl primo Chievo è da lustrarsi gli occhi
Impiegato e padre di famiglia, perdo ancora tempo come blogger ed eterno aspirante giornalista: dopo aver scritto per Il BiancoNero Magazine e la Federazione Italiana Sostenitori Squadre di Calcio, da settembre 2014 sono nella redazione zona sport di Tifo Blog. Recentemente ho aperto il blog Cesena Mio (www.cesenamio.it) e talvolta mi si può ascoltare come opinionista sportivo a UniRadio Cesena. Oltre all'amato Cesena calcio, seguo con immensa passione il ciclismo professionistico ed il rugby union, sport dei quali ho scritto per anni su Facebook, nonché sui siti web chorse.it e freeforall.it.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.