Milan brutto primo tempo,grande reazione, ma a Napoli il primo ko

261
Il momento dell'espulsione di kucka

Il Milan parte con un ottimo sprint, ma conclude poco. Milik gli taglia le gambe, ma il Milan sa rimettersi in pista. Troppa fatica e una difesa da registrare consentono al Napoli di vincere

MILAN: I PRIMI VENTI MINUTI POI MILIK

Il Milan esce con una sconfitta ma non tutto è da buttare. Per i primi venti minuti i rossoneri non avevano iniziato male con un buon giro palla e un ottimo pressing ed è arrivato anche vicinissimo al gol con Abate ma il terzino sbaglia tutto davanti a Reina.
Dopo il primo gol di Milik , la squadra rossonera si è completamente sfaldata e ha perso la fiducia che c’era nei primi venti minuti, dopo il gol dell’1-0 arriva anche il raddoppio di Milik con un stacco imperioso che anticipa tutta la difesa del Milan.
MILAN: LA GRANDE REAZIONE
Negli anni passati il Milan non sarebbe mai riuscito a rimettere a posto la partita, ma nel secondo tempo esce un Milan molto più grintoso e con una grande reazione. I rossoneri riescono a rimettere a posto la partita e in cinque minuti riescono a riprendere il Napoli.
4-2: MERTENS – CALLEJON – ROMAGNOLI E LA GAFF
Purtroppo Zielinski al 28′ taglia la metà campo, il Milan è sulle gambe e la palla arriva al folletto Mertens che prova il goal a giro, ma Donnarumma si allunga e compie l’ennesimo miracolo: Solo che sul tap-in De Sciglio è lento e Callejon infila il 3-2.
Come accaduto a San Siro i giocatori di Montella perdono la testa e prima Niang va a infastidire inutilmente Reina procurandosi un’ingenua (per usare un eufemismo) espulsione, poi Kucka colpisce duro e fa anzitempo negli spogliatoi. Milan inerme e Napoli che trova il 4-2 ancora con lo spagnolo.
Sarà meglio raccontarla questa rete, per render conto del livello ridicolaggine dei nostri ragazzi dopo lo svantaggio. Insigne crossa, la palla trova la coscia di Romagnoli e si avvia verso la rete. Il neo azzurro goffamente si tuffa con la mano (ben si comprende l’ironia del web), ma è inutile: la premiata ditta Callejon-Romagnoli regala la vittoria al San Paolo.
MILAN: I DUBBI DELLA DIFESA
Come si è visto col Torino il grande problema del Milan rimane la difesa, con  Abate che fatica troppo su Mertens, con Gustavo Gomez che fatica troppo con gli attaccanti del Napoli e che in questo momento non sembra proprio pronto per il campionato italiano. Con Romagnoli che forse davanti a un’offerta di 50 milioni andrebbe venduto, per difficoltà di concentrazione e d’impostazione difensiva. De Sciglio, poi, pare sotto l’incantesimo nero della maglia milanista. In nazionale corre e si propone, da noi sembra fuori ruolo e pigro.
Nonostante i miracoli di Donnaruma in queste due giornate  il Milan ha subito 5 gol in due partite: un po’ troppi per una squadra che punta a qualificarsi in Europa. Un altro grave problema che si è riscontrato in queste due giornate sono le troppe espulsioni, già tre. Ieri  le espulsioni di Kucka e Niang si potevano evitare benissimo, il primo troppo esagerato con le proteste a Valeri e il secondo troppo ingenuo a ostacolare il rinvio di Reina.
MILAN: FATTORE BACCA
Anche Carlos Bacca non è stato convincente, completamente fuori dalla manovra di gioco, troppi pochi i palloni toccati ieri dal colombiano. Rispetto all’anno scorso si vedono dei miglioramenti sul piano del gioco, ma il Milan la prossima partita ha l’obbligo di vincere contro l’Udinese.
MONTELLA: UNA SOSTITUZIONE PRIMA DEL 30′ NO???
Un primo appunto va anche fatto a Montella, la cui serietà e abilità tattica non si discute, ma la cui lettura della partita ancora latita. Proprio nel momento centrale del match, vale a dire quando il polacco Zielinski ha tagliato il campo, arrivando a servire Mertens, si vedeva che la mediana rossonera stava cedendo metri. Era necessario un cambio. Bastava sostituire Montolivo con un altro giocatore o lo stesso Kucka. Servivva qualcuno, magari Poli, che si mettesse a fare pressing e impedisse al Napoli di aprirsi il varco giusto.
L’aereoplanino ha tardato troppo le sostituzioni e la vittoria partenopea è arrivata inesorabile.
MILAN – NAPOLI : UN ANNO FA
Rispetto al primo confronto dello scorso anno a San Siro, quando gli azzurri asfaltarono i rossoneri con un poker umiliante, sicuramente sabato sera si sono visti miglioramenti notevoli sul piano caratteriale e su una tipologia di gioco che, sfruttando l’agilità di Niang e gli spunti offensivi di Suso può mettere in difficoltà molte squadre. E’ necessario ora lavorare sulla tenuta atletica, piuttosto scarna e su quella mentale (come già detto troppe espulsioni).
Montella lo sa, la strada, assegno o meno dei cinesi per questi ultimi giorni di mercato, è ancora lunga.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.