ABBRACCIO ROSSONERO: MILAN, A CROTONE CI PENSA CUTRONE!

284
sipario

Il nuovo Milan targato Cina espugna con tre reti l’Ezio Scida. Kessiè su rigore, Cutrone e Suso sigillano il risutato contro un Crotone in dieci uomini e onestamente mai in partita. Nonostante l’avversario non proprio ostico, comunque, buona prova a livello di intensità e concentrazione da parte dei Rossoneri di Montella. 

Il nuovo gioiello del Milan. Cutrone. Rigore procurato, gol e assist!

Il Milan risponde presente alle vittorie di Juve e Napoli del giorno prima. La partita dura letteralmente 5 minuti a causa del rigore procurato da Ceccherini trasformato poi da Kessiè. Sacrosanto il rosso arrivato con l’ausilio della VAR. Crotone in dieci e sotto di uno a zero. Per i calabresi non c’è più niente da dire. Il divario tecnico era già enorme, ma in dieci uomini contro undici la differenza di valori aumenta esponenzialmente.

Nemmeno il tempo di capire cosa sia successo per i ragazzi di Nicola che Cutrone raddoppia di testa. Inzuccata vincente su assist di un Suso, in serata di grazia. Il Milan gioca sul velluto, 90,3 % di passaggi riusciti nel match sono un dato incredibile. Forti di questo, solo 6 minuti dopo, il Diavolo fa il terzo. Taglio di Cutrone che controlla, passa indietro a Suso e 3 a 0. Match che non ha più niente da dire e Rossoneri in totale controllo del gioco. Le squadre vanno a riposo cercando refrigerio e provando, almeno per i calabresi, un riordino delle idee prima di tornare in campo.

SEMrush

Il Milan degli ultimi anni si sarebbe “seduto” sul risultato. E’ andata così anche questa volta?

Assolutamente no. Il secondo tempo inizia sul “leitmotiv” del primo. Crotone schiacciato nella sua metà campo salvo un paio di scorribande dalle parti di Donnarumma e una punizione centrale. Il Milan continua la sua partita di totale possesso palla e inserimenti. Il risultato sarebbe potuto essere ben più rotondo se Cordaz non si fosse travestito da Gigio. Fenomenale la parata di testa su Silva che leva il pallone dall’incrocio. Ancora sul gioiellino portoghese, l’estremo difensore crotonese, blocca un tiro al volo centrale. La partita finisce senza sussulti particolari. Tre punti d’oro per il  Milan e ottima risposta alle altre big, tutte vincenti tranne la Lazio.

Possiamo trovare, se possibile, un peggiore in campo?

Il momento del rigore realizzato da Kessiè

Andiamoci piano a parlare di peggiore. Se proprio dobbiamo trovare chi ha giocato meno bene degli altri, io dico Locatelli. Credo che sia davvero troppo acerbo per un Milan da grandi obbiettivi. Perde troppi palloni “velenosi” in zone nevralgiche. Gli manca  il primo controllo utile a guadagnarsi quel secondo per la prima giocata. E’ sempre anticipato, decifrato e neutralizzato dal pressing avversario. Così, in regia, non è possibile. Motivo per cui proverei a darlo in prestito, si concretizzasse la pista Marchisio, o gli troverei un ruolo diverso. Magari da filtro, ma non certo ad impostare. Non ne è ancora in grado. Almeno in questo Milan.

Ora veniamo a noi e diamo i voti ai nostri beniamini:

Donnarumma: 6,5 – Chiamato poco al “lavoro”  risponde comunque presente. ATTENTO

Bonucci: 6 – Ancora alla ricerca della migliore condizione, più che lavorare in prima persona, guida tutti i compagni di reparto. Non è ancora al TOP, ma che maestro è per gli altri difensori Rossoneri? LEADER

Musacchio: 7 – Che eleganza. Piacevole sorpresa a livello tattico e grandi piedi per impostare l’azione. AFFIDABILE

Conti: 6,5 – Nella difesa a 4 non è proprio a suo agio, ma ieri sera non si vedeva. Buona prova difensiva, ottima in fase di proposizione. Aspettiamo avversari più forti, ma il valore è indubbio. ITALO

Rodriguez: 6 – Finalmente un terzino sinistro. Non brilla come al solito in attacco. Zero errori, però, in difesa. MANNA

Kessiè: 7,5 – Lo dissi appena acquistato. Il miglior giocatore preso è lui. Mostro di potenza unita alla tecnica.  Forse, Kucka, è già dimenticato. PREDATOR

Locatelli: 5,5 – Dispiace, ma non è stato all’altezza del ruolo. Palloni persi in zone  nevralgiche e lanci sbagliati segnano la sua gara. Si fa vedere solo nel recupero palloni. Che non sia un regista? FUORIGIRI

Calhanoglu: 6 – Piedi educati e ottima visione di gioco. Deve assolutamente migliorare la forma fisica, ma ha tutto il tempo. CHIRURGO

Suso: 7,5 – Illegale. Fa quello che vuole. Ormai destro o sinistro non fa più differenza. Stupendo l’assist per l’inzuccata di Cutrone. Gran stilettata la rete del definitivo 3 a 0. FURETTO

Borini: 6,5 – Sempre un po’ impreciso, ma imprescindibile dallo schema di sacrificio di Montella. Fa avanti e indietro tutta la partita con ottimi movimenti. MOTORINO

Cutrone: 8 – Rigore procurato. Assist.Gol. Cosa chiedere di più a un classe ’98? Montella, tieniti stretto questo ragazzo. SCOPERTA

Abate: s.v.

Mauri: s.v.

Silva: 6,5 – 3 palle gol in mezz’ora. Cordaz in versione  Spiderman gli nega la gioira del gol. PROMESSA

Montella: 7 – Gestisce bene i ragazzi. Buono il leggero turnover in vista dell’EuropaLeague. MAESTRO

Il Milan ha controllato per intero la gara, ma è questo un test affidabile?

A livello di carattere, concentrazione e preparazione atletica, sicuramente si. E’ fuor di dubbio che l’aver giocato contro un Crotone in un uomo in meno dal 5 del primo tempo, non aiuta di certo ad elevare il livello della gara. Sta di fatto, che l’anno scorso, con tutta probabilità non avremmo portato a casa un risultato così rotondo, in così pochi minuti e senza rischiare nulla. Ricordiamo inoltre che si giocava in trasferta e non a SanSiro, quest’anno reputato il nostro dodicesimo uomo in campo vista la grande affluenza di pubblico tra amichevoli e preliminari di Europa League. Solo nei primi due turni, più di 100.00 spettatori. Numeri da grande Milan. Quello che tutti, Rossoneri e non solo, stavano aspettando. Ora sotto con la prossima gara, e riempiamo il Meazza, Forza Milan!!!

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.