LE PAGELLE ROSSONERE: IL MILAN SI AGGIUDICA IL “PIGIAMA PARTY”

252
sipario

Il Milan ha ottenuto i tre punti. Niente di positivo, oltre la vittoria, è rintracciabile nella partita di ieri sera contro il Rijeka. Ritmi da far addormentare anche un cavallo e gioco inesistente hanno messo ancora più dubbi e incertezze a tutto il mondo rossonero. Se questa doveva essere la partita della svolta, beh, non lo è stata di sicuro

Il Milan ha vinto sì la sfida, ma ha probabilmente giocato la partita più brutta e preoccupante di tutta la stagione.

Se nelle ultime due uscite di campionato ci siamo piazzati diciassettesimi per km percorsi, quella di ieri sera non deve nemmeno essere conteggiata, ci sarebbe da vergognarsi . Dal sessantesimo in poi, infatti, ci siamo totalmente spenti concedendoci agli avversari, rischiando di buttare al vento una partita da chiudere 4 a 0 e gestire tranquillamente. Tutto questo, ovviamente non è avvenuto.

Fortunatamente Silva e Musacchio ci avevano portato avanti di due reti ma, analizzandole, sono arrivate su giocata del singolo la prima e batti e ribatti in area, la seconda. Nessuna marcatura è quindi stata frutto di azioni manovrate o anche solo di semplici passaggi. Se a questa pochezza tecnica ci aggiungiamo una condizione fisica indecifrabile e a tratti imbarazzante, beh, il pasticcio che offre ultimamente il Milan è servito. Abbiamo rischiato di pareggiare una partita finita al quarantacinquesimo e contro avversari che, con tutto il rispetto, appartengono forse a una bassa serie B italiana. Lo spettacolo offerto ieri sera è stato indegno e sentire Montella tentare di trovare qualcosa di positivo è, a tratti, grottesco.

Non abbiamo scuse o attenuanti di alcun genere. Non dico che dobbiamo vincere tutte le partite cinque a zero, ma almeno abbiamo l’obbligo di mostrare fiducia e sicurezza nei propri mezzi. Ultimamente, tutto questo, il Milan non lo sta dimostrando e la Roma domenica ce lo ricorderà riportando a galla vecchie paure che fino alla passata stagione attanagliavano tutto l’ambiente. Certo è presto per parlare di crisi, ma che qualcosa non stia andando per il verso giusto lo si capisce e ne abbiamo avuto la certezza con l’esonero di Marra. Altre teste da far “saltare” in caso si fallisca con Roma e Inter non ce ne sarebbero se non quella di Montella. Attenzione, quindi, a commettere altri errori o a sperimentare ulteriormente. Serve dare un’anima a questo Milan e serve farlo celermente: gli avversari non staranno certo ad aspettarci

Il Capitano del Milan Bonucci non sta attraversando un gran momento

I “pilastri”  del Milan scricchiolano

Con l’arrivo di Bonucci molti tifosi hanno immaginato potessero svanire tutti i problemi difensivi e di gioco del Diavolo. Niente di più sbagliato. Nessun singolo è in grado di far questo e nessuno ha la bacchetta magica. Bonucci è un ottimo leader in campo e ha determinate caratteristiche. Nessuno ha mai preteso da lui di marcare in stile Nesta, non vedo perchè dobbiamo farlo noi. Se poi ci aggiungiamo un centrocampo che cambia ogni partita, senza i meccanismi che puoi trovare solo giocando insieme e che non dà quindi le giuste garanzie in termini di “filtro”, ogni difensore che schiereremo si troverà in situazioni scomode come il nostro capitano ieri sera. Certo, poteva e doveva fare meglio, ma come in ogni sport di squadra, se tutti facessero il loro dovere ordinatamente, sarebbe tutto più facile. Lo stesso Rijeka, se pur tecnicamente povero, a livello tattico era messo meglio. Un’assurdità.

Prossimo esame: AsRoma

Pensare che il Milan visto ieri sera dovrà affrontare tra poco più di 48 ore la Roma mette un po’ di preoccupazione. Oltre alla sfida in sè, viene aggiunta ansia dalla prestazione appena offerta. Ritmo e idee zero. Non dovessimo affrontare la sfida di Domenica con tutt’altro piglio, la lezione sarà servita e non sarà certo indolore.

C’è grande curiosità nel leggere quella che sarà la formazione, chissà se Silva si è guadagnato un posto da titolare e se la difesa, nonostante non sia in formissima, verrà riproposta con la medesima composizione o se gli interpreti ruoteranno ancora. Io tenterei di dare una continuità in certi reparti. Continuare a cambiare, nascondendosi dietro a un turnover illogico, non ha senso se non quello di confondere le idee ai giocatori e al Mister stesso.

Vediamo, invece, come si sono comportati i nostri beniamini: 

Donnarumma: 6 – Parare un rigore non è mai facile. Ieri sera è però stata una ciabattata. Non reattivo come tutto il Milan. SONNOLENTO

Bonucci: 4 – Senza scuse. Tenta di giocare come fosse Baresi, ma non lo è ovviamente. Non lo è nessuno. Ostenta sempre troppa sicurezza finendo sempre con l’essere “uccellato”. VOLATILE

Romagnoli: 4 – Stesso voto del Capitano. Il rigore sarà stato generoso. Ma che pollo. Non si entra così. Mai. INGENUO

Abate: 5 – Non spinge mai. E dire che davanti non aveva Dani Alves. FANTASMA

Borini : 6,5 – Mezzo punto per l’assist. Per il resto enorme partita di sacrificio, peccato la tecnica non sia eccelsa. OPERAIO

Kessiè: 5 – Sono tre partite che non ce la fa. Deve riposare e ora arriva la Roma. Complimenti Montella, proprio un turnover coi fiocchi. STANCO

Locatelli: 4 – Era in campo? A parte toccarla di prima, dietro o di fianco, è inesistente. ECTOPLASMA

Calhanoglu: 5 – Per sua fortuna si infortuna…Rendimento altalenante è fargli un complimento. Deve dare di più. INCOGNITA

Silva: 7 – Ha senso del gol, tecnica e gran fisico. Pecca un po’ in altruismo, ma i veri bomber non ne hanno. Deve giocare. Sempre. TALENTO

Cutrone: 7,5 – Votone per il gol vittoria. Ci crede sempre e non molla mai. Che futuro ragazzo! FUTURO

Bonaventura: 6,5 – Più vivace del solito prova a dar la scossa ma non è assistito. IN RIPRESA

Mauri: s.v. Entra in campo già svogliato, si vede benissimo dalle espressioni a bordo campo. Capisco tu stia giocando pochissimo e gli avversari non fossero di grande stimolo, ma ragazzo mio, vivi in paradiso. Devi rendertene conto

Suso: s.v.

Montella: 5 – Mister non ci siamo. Zero cattiveria e zero idee. Di questo passo, il panettone, lo mangi sul divano. CONFUSO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.