Milano è interista; ora la corsa non si fermi sul più bello

322

Conferme, riscatti, consacrazioni: il trionfo Derby può essere la spinta decisiva nella corsa interista

Vincere un derby su rigore al 90′ è un po’ il sogno erotico di ogni tifoso di calcio. Un sogno che come nelle migliori favole si è avverato domenica per ogni tifoso interista, prendendo la forma non di una top model, ma della tripletta di Mauro Icardi, forse definitivamente consacrato. Una vittoria che oltre a dare molte conferme e a togliere qualche sassolino nella scarpa, può infondere ai nerazzurri la fiducia necessaria per puntare ad ambiziosi traguardi. A partire da Napoli, dove si terrà la classica prova del 9. E con un Icardi così, lo si può dire nel vero e proprio significato del termine.

La notte in cui il bomber divenne capitano

“Fai goal, fallo per la Nord”, recitava la coreografia della curva interista durante la stracittadina. Perché in fondo quale occasione migliore per restare eternamente nei cuori dei tifosi se non un gol nel derby? Icardi si è superato e ne ha fatti addirittura 3, eguagliando l’ultimo a riuscire in un’impresa simile: un altro argentino, tale Diego Alberto Milito.
E se il Principe divenne Re nella magica notte di Madrid, il bomber è forse diventato finalmente capitano in una serata in cui ha dimostrato di poter essere condottiero. Per la sua età, già tantissima roba. E così potrebbe finalmente sancirsi anche la riconciliazione con i tifosi, che non hanno mai fatto mancare di contestarlo. Sia chiaro, Icardi non è ancora il prototipo del capitano modello alla Zanetti, e tanto ha ancora da lavorare anche sotto il punto di vista del gioco, ma se non è una dimostrazione di maturazione questa…

Guida salda

Parte del merito va dato anche a Luciano Spalletti, che sembra riuscire a trasmettere al capitano interista esattamente le richieste da esaudire. Il tecnico ancora non è riuscito a dare un gioco fluido alla squadra, ma la mentalità sembra essere cambiata totalmente. Lo scorso anno l’Inter avrebbe avuto la metà dei punti attuali per come sono arrivate alcune vittorie, ed il derby sarebbe stato probabilmente buttato dopo il pareggio. Quando riuscirà anche a migliorare il gioco e a non vivere di folate o episodi, Spalletti potrà ambire in grande.Chissà che il mercato di riparazione non possa essere l’alleato giusto. Unico neo l’ingresso azzardato di Cancelo, ancora non pronto fisicamente e tatticamente, tanto da costare il gol di Bonaventura. Ma per fortuna tutto è bene ciò che finisce bene.

SEMrush

Nuovo muro

Il tifo interista aveva storto il naso quando arrivò Spalletti, soprattutto dopo mesi di voci su Conte e Simeone. Esattamente come lo aveva storto all’arrivo di Skriniar. Se l’allenatore vantava comunque una carriera consolidata come garanzia, il difensore ex Samp sta stupendo sempre più. Se l’Inter è lassù, lo si deve anche al suo exploit. Sperando che quello di Spalletti e Sabatini non si riveli solo un fuoco di paglia, ma un colpaccio a tutti gli effetti. Intanto il salato conto del cartellino è solo un ricordo.

Riscatto in grande stile per la destra interista

Qualcuno su cui il popolo interista ha ben più che storto il naso ultimamente è stato Antonio Candreva. Come auspicato, e come solo i grandi giocatori sanno fare, tutto spazzato via con una prestazione esemplare nell’appuntamento importante. Un assist al bacio, una traversa che sarebbe stata un gioiello di gol, una partita encomiabile dopo un inizio che lasciava temere il peggio. La dimostrazione che ci vuole poco a trasformare i fischi in applausi. Così come per D’Ambrosio, il gregario per eccellenza che dopo essere stato tartassato dai tifosi si sta dimostrando sempre più indispensabile. Col Milan ottimo in difesa e decisivo in attacco con la partecipazione al primo gol ed il rigore procurato. A Napoli l’aria di casa può solo che fargli meglio.

 

Milano è interista.
Ora tocca conquistare Napoli. Per conquistare, almeno per qualche giorno, anche il resto d’Italia.

Fonte immagine: Corriere dello Sport

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.