Mollema si impone a San Sebastian

294

Bauke Mollema, capitano olandese della Trek Segafredo, anticipa i grandi favoriti e con un assolo nel finale conquista la prestigiosa classica basca

Pur essendo relativamente giovane, la Clasica Ciclista de San Sebastian (Donostia in basco) ha un albo d’oro di tutto rispetto nel quale troviamo nomi importanti, su tutti quello di Miguel Indurain che alle porte di casa (Miguelon è navarro di Pamplona) ha conquistato la sua unica classica di un giorno, ma non solo, perché qui nei pressi della Concha hanno vinto campioni come Gianni Bugno, Paolo Bettini, Laurent Jalabert, Lance Armstrong e, in tempi più recenti, due volte Alejandro Valverde che ha inutilmente cercato il tris che lo avrebbe portato a pareggiare il recordman Marino Lejarreta. A questi si è aggiunto ieri l’olandese Bauke Mollema.

Un po’ a sorpresa, ma non troppo visto che prima della caduta e dei problemi fisici stava correndo un grande Tour de France, ha trionfato in solitaria proprio il capitano della Trek Segafredo che è stato il più bravo a chiudere il gap creato da Joaquim Rodriguez sull’ultimo strappo. Purito, alla sua ultima apparizione nella classica spagnola, è stato il mattatore della giornata visto che ha preso decisamente l’iniziativa sul Bordako Tontorra, uno strappo inedito inserito dagli organizzatori negli ultimi chilometri visto che l’Alto de Jaizkibel e l’Alto de Arkale non risultavano più sufficientemente selettivi per una corsa che per tradizione deve essere dura e favorevole agli scalatori: lo scatto del leader del Team Katusha è avvenuto nel tratto più duro della salita, dove il solo Simon Yates ha provato inutilmente a resistere, mentre dietro si compiva la decisiva selezione con il gruppo fino a lì compatto che si sgretolava. Restavano in quota, ad una manciata di secondi, Alejandro Valverde, Tony Gallopin ed appunto Bauke Mollema che con una bella progressione si è successivamente portato su Rodriguez raggiungendolo poco prima dello scollinamento, staccandolo nel primo tratto di discesa. L’embatido Valverde si è impegnato al massimo per cercare di chiudere il buco in discesa e nei pochi chilometri di pianura prima del traguardo, ma il vantaggio di Mollema restava inchiodato ad una decina di secondi, sufficienti per consentirgli di conquistare la vittoria più prestigiosa della sua carriera. Nello sprint per la piazza d’onore Gallopin ha preceduto Valverde, mentre Rodriguez si è concesso una passerella per salutare i suoi tantissimi tifosi. Un altro gruppetto regolato da Greg Van Avermaet (5°) è giunto ad una trentina di secondi e poi via via tutti gli altri.

Un’edizione della Clasica un po’ sottotono, corsa in maniera fin troppo attendista dai corridori che hanno atteso lo strappo conclusivo per darsi battaglia, rendendo piuttosto monotoni i passaggi sull’Alto de Jaizkibel, un tempo salita simbolo della corsa. Alla lunga, dopo tanti chilometri e con un dislivello importante, sono emersi coloro che hanno disputato il Tour de France, quelli più in condizione che si sono infatti giocati la vittoria. Bauke Mollema è un degno vincitore che ha meritato il successo dimostrandosi forte in salita, abile in discesa e tatticamente ineccepibile.

Arrivo San Sebastian

La prossima classica del calendario World Tour è in calendario per domenica 21 agosto in Germania, la Cyclassics Hamburg, ma nel frattempo non mancheranno gli appuntamenti con il grande ciclismo: sabato 5 agosto è in programma a Rio de Janeiro la prova olimpica maschile su strada con un percorso molto impegnativo che l’Italia affronta con grandi ambizioni (al via con i colori azzurri il blocco Astana Vincenzo Nibali, Fabio Aru, Diego Rosa e quello BMC Damiano Caruso, Alessandro De Marchi, tutti corridori molto forti in salita), mentre da sabato 20 agosto a domenica 11 settembre andrà in scena la Vuelta a Espana che seguiremo giorno dopo giorno qui su Destrosecco.


Immagine tratta dal sito www.elmundo.es

Previous articleTim Cup : avanti Lecce e Maceratese
Next articleGossip sportivi: Aquilani ed il fisco..ahi ahi!
Impiegato e padre di famiglia, perdo ancora tempo come blogger ed eterno aspirante giornalista: dopo aver scritto per Il BiancoNero Magazine e la Federazione Italiana Sostenitori Squadre di Calcio, da settembre 2014 sono nella redazione zona sport di Tifo Blog. Recentemente ho aperto il blog Cesena Mio (www.cesenamio.it) e talvolta mi si può ascoltare come opinionista sportivo a UniRadio Cesena. Oltre all'amato Cesena calcio, seguo con immensa passione il ciclismo professionistico ed il rugby union, sport dei quali ho scritto per anni su Facebook, nonché sui siti web chorse.it e freeforall.it.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.