MotoGp – Ad Assen Rossi più croce che delizia

242
Motomondiale

Assen (NLD) – Sembrava una corsa scritta ad un certo punto, una di quelle in cui Rossi gioca con gli avversari fino a divorarseli negli ultimi giri, prima della bandiera rossa, con Valentino in scia ad un sorprendente Petrucci e a Dovizioso, con Lorenzo attardato e probabilmente con una Moto2 anziché una M1 visti i tempi sul giro, con Marquez dietro ma con un ritmo decisamente più lento rispetto ai primi, con un comunque strepitoso Yonny Hernandez out, dopo avere dominato le prime fasi di gara. Tre italiani davanti a tutti, un podio tutto tricolore. Sembrava. Purtroppo il meteo olandese si è messo di traverso e la gara è stata sospesa al 15esimo giro. Mezzora di stop e ripartenza con le moto assettate da bagnato estremo. Rossi sembra indemoniato e conquista la testa. La pista è allagata e a farne le spese a 10 giri dalla fine sono prima Petrucci (guasto tecnico) e Dovizioso (capriola multipla), poi proprio lo stesso Rossi che forse ha osato un po’ troppo. Grave errore per il campione di Tavullia che getta al vento 25 punti in una giornata che sembrava favorevole. Marquez si accontenta intelligentemente del secondo posto dietro all’ottimo Jack Miller, prima vittoria per lui in MotoGp. Da ora non ci si può più permettere di buttare al vento punti così pesanti, il Mondiale è tiratissimo e già questi 25 punti sono un regalo enorme a Marquez e a Lorenzo. Sperando non risultino decisivi a fine campionato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.