ABBRACCIO ROSSONERO: MUSACCHIO, UN LEADER INASPETTATO

280

Che Musacchio fosse un buon giocatore, arcigno, attento ed educato si sapeva. Che però fosse in grado di assorbire il passaggio in SerieA con ottime prestazioni fin da subito, in pochi lo speravano

Mateo Musacchio si è preso il Milan di partita in partita. Chi lo attendeva unicamente come un difensore in grado solo di assolvere compiti difensivi o di marcatura, deve ricredersi. Nel corso di queste prime uscite, Musacchio, ha fatto subito intendere che la parte del “muro” gli sta stretta. E’ perfettamente in grado e si trova a suo agio anche ad impostare l’azione. E’ proprio lui, spesso, che con capitan Bonucci inizia a dipingere la manovra dalle retrovie. Lanci lunghi, dribbling o tocchi brevi non incutono timore al nostro difensore: questa è un’ottima notizia. Avere,infatti, tre centrali in grado di destreggiarsi anche con i piedi è un vantaggio non da poco e si sta iniziando a notare durante le partite.

Musacchio in Lugano-Milan

Classe e tecnica non mancano a Musacchio, ma il vero punto debole è il fisico. Dobbiamo attenderci infortuni?

SEMrush

L’infortunio al perone patito nel 2015 sul campo del Getafe è ormai alle spalle. Rientrato a fine 2015, ha disputato 23 partite di Liga e ha giocato anche in Nazionale. Il peggio è passato. Certamente dovrà sempre allenarsi al massimo e puntare tanto sulla condizione fisica (non è proprio un fuscello). Per chi invece teme scarsa integrità e poca resistenza dovrà subito fare marcia indietro. Musacchio è in tutto e per tutto uno dei centrali difensivi più forti a livello europeo e il grave infortunio è lontano più di due anni. Da come gioca in campo e dalla sicurezza che trasmette anche nei contrasti, beh, direi che non abbiamo assolutamente nulla da temere. Sotto nessun aspetto.

Bonucci-Musacchio-Romagnoli. Che trio!

Musacchio, con Bonucci e Romagnoli forma un trio perfetto. Il capitano ha l’esperienza e la classe necessaria per dirigere il reparto, Romagnoli con il suo sinistro educato ha ampi margini di miglioramento, ma è già una certezza. Musacchio,invece, sigilla il tutto. Offre quella potenza fisica, quella capacità d’anticipo e quell’attenzione unite ad un’inaspettata classe. Chi lo criticava deve già ricredersi e dare atto a questo ragazzo del suo valore. Troppo facile parlare senza cognizione di causa, recuperare da un infortunio al perone richiede il suo tempo, fortunatamente per noi milanisti e per Musacchio soprattutto, già trascorso. Ora tutti di corsa a SanSiro che il Milan ci aspetta!!

 

Se volete approfondire alcune vicende del mercato rossonero, ecco a voi un interessante articolo: Milan e mercato : Terreno fertile per le “capre”

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.