Napoli: Col Crotone una vittoria di rigore

261

Metabolizzata l’eliminazione dalla Champions, il Napoli riprende la marcia per il secondo posto battendo con un comodo 3-0 il Crotone che si avvia sempre di più alla retrocessione. Sul piano del gioco non c’è stata partita da entrambe le squadre e lo dicono pure i numeri: 81% di possesso palla da parte del Napoli con oltre novecento passaggi completati. Per sbloccare la partita però ci è voluto un calcio di rigore forse generoso che Insigne trasforma e sblocca il risultato.

L’attaccante napoletano festeggia alla grande le duecento presenze complessive in maglia azzurra. La sua giornata diventa straordinaria con il gol del definitivo 3-0 dove sul lancio perfetto di Jorginho stoppa in maniera sublime la palla e calcia verso la rete in perfetto stile Baggio. Sotto la guida di Sarri è arrivato per il secondo anno consecutivo in doppia cifra giocando finalmente nel suo ruolo naturale dove fece faville sia a Foggia che a Pescara sempre con il 4-3-3. Rumors di mercato parlano finalmente di un rinnovo sempre più vicino dove potrebbero essere aggiunti bonus su obiettivi e diritti di immagine e mettere la prima pietra sulla squadra del futuro.

Futuro dove ci auguriamo di vedere anche Dries Mertens che nel momento dove il Napoli non riusciva a chiudere la partita e dove ha corso anche qualche pericolo di troppo sempre su rigore mette la gara sui binari giusti. Il belga diventa sempre di più un elemento imprescindibile per il Napoli dove paradossalmente l’attacco col falso nueve sta creando non pochi problema sia a Milik che Pavoletti. La sensazione è che il Napoli si è abituato troppo bene a giocare con il tridente leggero e il resto dei compagni riescono a giocare meglio palla a terra. Con la prima punta in campo servono dei cross che sia Hysaj che Ghoulam o Strinic non sono più abituati a farlo o non li hanno nelle corde, sarà compito di Sarri a trovare le giuste contromisure.

Altro dato positivo è che non si prende gol e a prescindere dalla forza dell’avversario, il Napoli qualche errore lo commetteva sempre. Il secondo posto è ancora alla portata e con 30 punti a disposizione e con una Roma in debito d’ossigeno si potrà assistere ad una volata fino all’ultima giornata come è accaduto l’anno scorso e con l’augurio che l’esito sia lo stesso col Napoli che va nuovamente ai gironi di Champions League.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.