Napoli: Le due facce della vittoria di Empoli

229
EMPOLI, ITALY - MARCH 19: Dries Mertens of SSC Napoli celebrates after scoring a goal during the Serie A match between Empoli FC and SSC Napoli at Stadio Carlo Castellani on March 19, 2017 in Empoli, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Da Empoli il Napoli ottiene due risultati storici: cinque vittorie consecutive lontano dal San Paolo e la prima vittoria al Castellani. La partita però è finita soltanto 2-3 per gli azzurri dove nel primo tempo a parte qualche sfuriata dei toscani non c’e stata partita per il Napoli dove segna tre gol con la seconda doppietta consecutiva di Insigne che ora punta a sfondare il muro dei dodici gol in campionato e Mertens con una punizione magistrale dove Skorupski a malapena riesce a toccarla, il belga tra l’altro sbaglia pure un rigore. Nel secondo tempo invece troppa presunzione per un risultato già acquisito e dove invece l’Empoli è tornato alla carica sfiorando la rimonta.

Nella prima frazione di gioco il Napoli mostra tutto il suo repertorio con una supremazia territoriale imbarazzante che si traduce con tre gol e un rigore sbagliato e il punteggio stava anche stretto agli uomini di Sarri per le occasioni create. Il tridente leggero non ha solo esaltato Mertens con i suoi venti gol in campionato, ma anche Insigne e Callejon che giocando più vicini alla porta per sostenere il belga hanno maggiore pericolosità in zona gol. Il napoletano è già arrivato a dodici gol mentre lo spagnolo ha fatto già meglio dello scorso anno tenendo conto che deve fare gli straordinari in fase di non possesso.

Nel secondo tempo invece i partenopei mostrano tutti i loro limiti di personalità e di gestione del risultato. Il Napoli appena cala di ritmo rende gli avversari subito pericolosi dove basta una semplice azione da gol che si subisce la rete e se questo accade anche con la squadra che ha il peggior attacco del campionato e gli permetti di segnare addirittura due gol, significa che in questa rosa ci sono troppi giocatori che non hanno fame di vittoria e che si rilassano appena il risultato è rotondo. L’augurio è che le parole di Hamsik e Sarri a fine partita si tramutino in fatti e si faccia capire al resto della rosa che per vincere bisogna sudare altrimenti è meglio prendere strade diverse perchè certi errori dopo la sosta contro la Juve sia in coppa italia che in campionato non saranno concessi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.