Napoli: Mertens il falso Higuain

267

Il Napoli ci ha preso gusto a rifilare cinquine agli avversari come Mertens ha preso gusto a segnare più di due gol a partita. Stavolta è il Torino a farne le spese e cade sotto i colpi di una squadra che per ventidue minuti facendo le dovute proporzioni, sembrava il Barcellona dei tempi d’oro di Guardiola. Il folletto belga ci ha regalato un’altra giornata di grande follia dove questa volta di gol ne fa ben quattro invece di tre come è accaduto a Cagliari con Chiriches che completa il quadro con una galoppata fino alla porta mettendo nel sacco un gol da vero centravanti.

Il primo gol nasce dai soliti schemi su calcio d’angolo battuta con palla bassa tra Callejon e Ghoulam che duettano ad un tocco e a grande velocità con lo spagnolo che scarica su Mertens che con un movimento da vero centravanti entra nel cuore della difesa granata e sblocca il risultato dove non è passato nemmeno un quarto d’ora dal fischio d’inizio, segno che per il Napoli sarà un’altra giornata all’insegna di un’altra goleada che manderà a casa gli uomini di Mihajlovic carichi di meraviglie.

Il secondo gol arriva da quel calcio di rigore che Sarri nella conferenza pre partita si auspicava di ricevere facendo un confronto sulla Roma che ne ha avuti ben otto. Rigore trasformato con freddezza nell’angolino basso dove Hart è completamente spiazzato e costretto a raccogliere in pochi minuti un altro pallone, ma il bello deve ancora venire.

Il terzo gol fotografa l’attaccamento alla maglia di Mertens è la voglia di misurarsi con un ruolo che partita dopo partita si sente sempre più suo: dopo la respinta di Hart sul tiro di Callejon, Mertens dopo vari batti e ribatti, finte e contro finte sigla la sua seconda tripletta di fila portandosi un altro pallone a casa. Sfido chiunque a chi aveva scommesso almeno un centesimo per questa improvvisa esplosione del belga che si abbatte come un uragano devastante verso gli avversari.

Il quarto gol è l’apoteosi finale: pallonetto da una posizione defilata e vicina per provare una prodezza del genere che a fatto compiuto ha fatto alzare in piedi i tifosi presenti allo stadio e persino Chiriches e compagni dove lo applaudono a scena aperta per una giocata che non si vedeva dall’epoca di Maradona e dove ce la ricorderemo molto probabilmente per moltissimo tempo. Mertens più che falso nove è un falso Higuain per la prolificità mostrata in questo mese di Dicembre dove ha già toccato la doppia cifra guarda caso proprio come l’argentino. Pavoletti che arriverà a Gennaio dovrà vedersela con un brutto cliente di reparto.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.