Napoli: I tre moschettieri matano il Toro

286

Mertens, Insigne e Callejon: tre giocatori, spettacolo assicurato. Il Toro in campo non ci ha capito nulla e dopo la grande prova del derby è l’ennesima squadra a soccombere contro la marcia inarrestabile della squadra di Sarri.

Il Napoli era chiamato a tenere il passo per il secondo posto e già al settimo minuto sblocca subito il risultato. L’unico neo, tra i pochissimi di questa partita è che il Napoli deve costruire un numero troppo elevato di palle gol per poter mettere la partita al sicuro. Prima del 2-0 il Torino ha avuto le sue opportunità che per fortuna non si sono concretizzate, fortuna che di fronte ad altre compagini il Napoli non potrebbe avere e che quindi complicherebbe le cose dove potrebbe farne volentieri a meno.

La capacità di questa squadra è che quando mantiene alta la concentrazione e tiene il pieno controllo della partita è capace di rendere “ridicola” qualsiasi squadra. Basta vedere la Lazio che sta facendo un campionato strepitoso, contro il Napoli perde con un netto 3-0 oppure lo stesso Toro che dopo la grande prova nel derby prende cinque gol. Anche la stessa Juventus dei cannibali a Napoli è stata costretta a giocare come il Carpi dell’anno scorso. Paradossalmente il gioco del Napoli è migliorato molto schierando un tridente leggero a discapito di una punta di peso come Milik.

Cosa manca ancora a questa squadra per alzare un trofeo? Giocatori di grande carisma che quando hanno palla gli avversari non tirano indietro la gamba e soprattutto dei terzini che non concedano nulla ai loro avversari sulle fasce. Sarri si agita quando gli viene detto che lui chiede dei giocatori alla società, ma alla fine corrisponde alla verità, perchè un tecnico che ha fatto una scalata per arrivare a questo punto per completare l’opera ci tiene molto a vincere qualcosa.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.