Napoli: Zielinski e Giak, due squilli al Real

220

Il pericolo maggiore della partita contro il Genoa era che la squadra di Sarri pensasse troppo al Real Madrid, tanto è vero che il tecnico azzurro alla vigilia della gara, in sala stampa ha interrotto subito i giornalisti appena nominavano la sfida con gli spagnoli minacciando di andarsene via. Alla fine missione compiuta, altra vittoria e altri tre punti che arrivano da Giaccherini che ha sostituito molto bene Callejon, e Zielinski che diventa sempre più un punto fermo di questa squadra.

Il Napoli nel primo tempo ha fatto molta fatica. Merito di un Genoa che ha fatto un pressing molto alto con una marcatura a uomo a centrocampo. La manovra del Napoli quindi passava solo dai piedi dei difensori e dove spesse volte era Koulibaly che impostava, ma che non ha dei piedi educatissimi. Quindi esce fuori un primo tempo molto soporifero e con pochissime occasioni da gol. La formazione rossoblù ovviamente non poteva mantenere questa intensità per tutta la partita e quando gli uomini di Juric hanno iniziato ad abbassarsi, le qualità tecniche del Napoli sono uscite fuori con Zielinski che si conferma l’uomo del momento.

Il polacco prelevato in questa estate dall’Udinese è destinato nei prossimi anni a diventare uno dei centrocampisti più forti al mondo. Ogni pallone toccato siu trasforma in assist e in gol condito da giocate di altissima classe. Si vocifera che sia presente già una clausola di 65 milioni di euro. Fossi in De Laurentiis aumenterei tranquillamente a cento milioni visti i prezzi folli del mercato di oggi.

Una nota di merito anche per Giaccherini e Maggio che nonostante siano stati poco impiegati si sono dimostrati dei grandi professionisti e si sono fatti trovare pronti a sostituire gli squalificati Callejon e Hysaj; il primo ha segnato il gol che ha chiuso la partita con un movimento tipico dello spagnolo, il secondo non ha concesso nessun cross dalle sue parti e non ha demeritato in fase di spinta.

Adesso c’è tutto il tempo per pensare al Real Madrid con l’obiettivo di fare una bella figura e di vedere dove è arrivato il livello della squadra partenopea.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.