Occhio d’aquila – La bellezza della semplicità, così Inzaghi vuole vincere ancora

236

Una serata perfetta. Una serata che in molti speravamo di vivere in questa stagione. Inzaghi ha vinto la partita di Udine con la forza e la bellezza della semplicità. I migliori sono stati messi in campo, sistemati nel loro modulo più congeniale. Un 4-3-3 che non ha lasciato scampo ad un’ Udinese inerme, sopraffatta dalla bravura del tridente laziale. Immobile, Keita e Felipe Anderson si sono dimostrati all’altezza nel secondo esame di maturità del campionato, dopo il fallimento di Milano.

Il match – Ci ha pensato il numero 17 napoletano a timbrare il cartellino per primo, con un preciso colpo di testa alla destra di Karnezis. Poi nel secondo tempo è stato il turno di Keita, imbeccato da un passaggio tanto illuminante quanto semplice di Anderson, con seconda rete consecutiva dello spagnolo. Infine Immobile sigla il definitivo 3 a 0, portandosi a quota 4 gol in campionato. Impeccabile anche Strakosha tra i pali, autore di un paio di parate decisive per mantenere la porta inviolata.

Classifica – E’ presto, troppo, per guardarla con occhi ammirati. Tuttavia il terzo posto in coabitazione con Milan, Roma e Chievo pone Inzaghi in posizione di tranquillità. Ora può davvero costruire qualcosa di divertente con questa Lazio, se avrà la sapienza di non stravolgere troppo la formazione. E’ chiaro che la rosa è stata costruita per giocare con i tre davanti, inoltre Felipe Anderson terzino è un affronto verso le potenzialità offensive del brasiliano.

Inzaghi – Fino ad ora non sono mancate le critiche, anche dal sottoscritto, ma c’è una cosa di questa Lazio che ci piace  e non potrebbe essere altrimenti: i giovani del vivaio. Cataldi, Lombardi, Murgia e Strakosha.

Se Inzaghi riuscirà a inserirli costantemente, i biancocelesti ne guadagneranno in forza e resistenza, e chissà che non ci sia qualche futuro campione tra questi quattro. Intanto l’esperienza maturata in Primavera è un plus per l’allenatore laziale, ripagato fino ad ora dalle prestazioni dei suoi ragazzi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.