Udinese: No, no, no! Perdere così proprio no! Ottava sconfitta consecutiva!

270

No, no, no! Perdere così proprio no! Ottava sconfitta consecutiva (immeritata) contro la Lazio di Inzaghi al Friuli.

Udinese: Il periodaccio bianconero continua e forse qualche patema d’animo per la classifica comincia ad arrivare. Al momento ci troviamo a +6 sulla coppia di terzultime in classifica, con sette partite da giocare.

Certo, tra di noi e la retrocessione ci sono, oltre i punti, anche un bel numero di squadre, quindi sembra difficile la catastrofe finale.

Ma perché soffrire fino all’ultimo quando invece avevamo vissuto un buon campionato fino a qualche giornata fa?

SEMrush

Quello che più pesa, però, stavolta non è tanto la prestazione della squadra. Sarà un caso, ma il solo rientrare trai titolari di Kevin Lasagna ha portato magicamente a un ritorno del gioco soprattutto in fase d’attacco.

Sarà un caso anche questo, ma al numero 15 sono bastati tredici minuti per riprendersi lo scettro di un reparto altrimenti assai sterile. E non era neanche il primo tentativo da parte nostra.

Ma, come dicevamo, non è la prestazione ad averci condannato a questo giro, visto che si è giocato meglio rispetto alle ultime pessime uscite.

Stavolta ci si è messo anche l’arbitro (sempre Rocchi) che, probabilmente convinto dalle incessanti lamentele di Simone Inzaghi nel corso di tutto il campionato, ha deciso di ripagarlo proprio nella gara di domenica.

Con nostra grande soddisfazione, ovviamente. La Lazio gioca un buon calcio e anche al Friuli ha mostrato tutte le sue qualità, ma proprio per questo non ha bisogno di aiuti esterni.

Come quando ha sorvolato su un palese fallo a centrocampo ai nostri danni grazie al quale è scaturita l’azione del pareggio di Immobile, oltre a molti falli non sanzionati nel corso di tutta la gara. Tant’è che Samir è dovuto uscire dal campo dopo una partita di botte continue.

E’ la gestione di gara che pesa sul risultato, quando una squadra in difficoltà si trova pure costretta a remare contro le decisione arbitrali.

Se c’è una nota positiva è un miglioramento dell’atteggiamento generale della squadra, e si è dato vita a una bella partita.

Questo è l’unico buon auspicio per il prosieguo del campionato, che ci vedrà impegnati a Cagliari contro un’altra squadra in difficoltà, e che spesso si ritrova a perdere pesantemente in casa.

Puntiamo su questo e su Lasagna. Speriamo in un’altra bella gara, ma possibilmente equa, stavolta. O dobbiamo cominciare anche noi a lamentarci?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.