Il Pagellone Rossonero: Milan, buonanotte ai “suonatori”

277
sipario

Il Milan di Montella incassa la terza sconfitta consecutiva. Su novanta minuti ne gioca quindici e il suicidio, leggendo la formazione iniziale, era nell’aria. Palese il miglioramento con le due punte e Suso in un ruolo a lui più consono

La situazione del Milan è al limite del  drammatico

Il Milan incassa una sconfitta via l’altra. Nonostante questo l’Aeroplanino continua con gli azzardi, con lo schierare fuori ruolo i due principali fautori delle positività della passata stagione (Jack & Suso), e la squadra arranca. Eccome se arranca. Siamo decimi a pari punti con il Chievo. 230 milioni spesi per galleggiare a metà classifica al sedici di Otttobre. Davvero un’ottima mossa. Complimenti a tutti! Non venisse subito invertita la rotta i danni procurati sarebbero enormi: economici, d’immagine e di ranking. Sarebbe la mazzata definitiva che ridimensionerebbe il Milan, per i prossimi cinque anni, a squadra di metà classifica come già ora sta accadendo.

La partita di ieri sera è stata a tratti imbarazzante con un primo tempo indegno. Inutile nascondersi dietro quindici, venti minuti giocati meglio perchè l’Inter è rimasta nello spogliatoio. Siamo lenti, imprecisi, prevedibili e indifesi. Non vedo spiragli per poter dire che in coppa contro l’Aek ci potrà essere un riscatto, temo il peggio anche lì per come siamo messi attualmente.

Il Milan di Montella continua a deludere

Che soluzioni deve adottare Montella per il suo Milan

L’unica mossa che mi viene in mente e, credo non sia arrivata solo a Montella, è quella di giocare sempre e comunque con due punte di ruolo. Basta provare ad adattare Suso in posizioni di evidente difficoltà per lui. Ne risentono tutti. Dal centrocampo costretto a “scalare” per coprire o proporre a seconda della mancanza dello spagnolo, fino alla difesa che a quel punto si trova in balìa degli avversari. Come ieri sera che a un certo punto arrivavano da tutte le parti senza che noi ci capissimo nulla. Basta quindi dire che la colpa è di un singolo o dell’altro. La situazione è ben differente! I nostri giocatori non sanno cosa fare col pallone tra i piedi e non dovremmo certo essere noi a pensare a soluzioni per migliorare questa cosa. Si incappa sempre negli stessi errori, è ora di finirla. Chi ha orecchie per intendere, intenda!

Vediamo invece nel dettaglio come si sono comportati i nostri beniamini:

Donnarumma : 6 – Incolpevole sul gol e totalmente spiazzato da Icardi in occasione del rigore. Non sbaglia, va bene, ma nemmeno para più. ANONIMO

Musacchio: 5 – Come tutto il reparto è una serata no. Si perde Icardi sul primo gol e non ne capisce i movimenti per tutto il match. Passiamo oltre che è meglio. SPAESATO

Bonucci: 5,5 – Anche per lui, in fase difensiva non ci siamo. Arriva tardi sul cross di Candreva e non è al suo livello con i lanci. Prova comunque, senza riuscirci, a dare ordine. SOTTOSOPRA

Romagnoli: 4,5 – Il vero anello debole è lui. Fisicamente inesistente, timido e impaurito. Commette falli da pollo e non ne azzecca una. ECTOPLASMA

Borini: 7 – Avanti, sotto chi lo criticava. Tecnicamente non sarà perfetto. Ma corre per tre e non molla mai. Protagonista su entrambi i gol ha zittito tutti. Bravo. SORPRESA

Kessiè : 5 – Gioca e male solo la prima frazione. Si pesta i piedi con Suso e Jack che non sanno cosa fare messi fuori ruolo. Da  rivedere. ASSENTE

Biglia: 5 – In fase di impostazione non ci siamo sempre. In quella difensiva latita proprio! Fuori forma e si vede. Necessita ossigeno. CONFUSO

Bonaventura: 6,5 – Molto meglio la ripresa, ovviamente. Primo tempo da spettatore egoista. Giocatore comunque in crescita se messo in condizione di giocare nel suo ruolo. RITROVATO

Rodriguez: 4 – Candreva lo annienta. Non ci capisce niente per novanta minuti e oltre. Dico oltre, visto il rigore da tordo con cui regala la vittoria ai cugini condannando il Milan. SCIAGURATO

Suso: 6 – Primo tempo horror, non per colpa sua diciamolo. Nel secondo, messo finalmente a suo agio, fa la differenza. JOLLY 

Silva: 5,5 – Peccato per quel palo. Ingiudicabile la prima frazione. Sostiene il peso dell’attacco da solo. Decisamente meglio la ripresa. ISOLATO

Cutrone: 6,5 – Entra e da la scossa. Le due punte sono d’obbligo. SCATENATO

Locatelli: 5,5 – Entra e prova a dare ordine. Sempre troppo nervoso. ACERBO

Montella: 5 – Niente, non ci siamo. Regala un tempo all’Inter. Segno che non ha imparato assolutamente niente dalle passate sconfitte. Poco coraggioso e prevedibibile. Montella, sveglia! Il Milan non può più aspettare. INADATTO

 

 

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.