Palermo: al Barbera sorridono solo i 22 tifosi del Chievo presenti

250

Niente da fare. Il Barbera è stregato e lo 0-2 premia solo il Chievo e i pochi tifosi clivensi arrivati in Sicilia per vedere la partita. Il conto alla rovescia verso la Serie B è iniziato.

Non basta la volontà nè avere in panchina un idolo della curva ome Corini. Il Palermo perde ancora e la classifica adesso diventa pesante. Il punto preso a Bologna permette infatti all’Empoli di aumentare il proprio vantaggio sul Palermo, ormai ultimo da solo con appena 6 punti.

Anche se i gol del Chievo arrivano da distrazioni difensivi non si può far finta di non notare i limiti del centrocampo e dell’attacco rosanero, due reparti totalmente scollegati e privi di gioco.
Corini potrebbe lavorare in questa direzione ma ormai la salvezza dipende anche e soprattutto dai risultati delle altre squadre  che, pur avendo anche loro una rosa molto limitata, riescono tuttavia a racimolare punticini utili a tener viva la speranza di non retrocedere.

I tifosi rosanero ormai si sono rassegnati.
Al Barbera è come giocare fuori casa e ormai non ci si ricorda più cosa si prova quando si vince. Ma ci si diverte lo stesso, il calcio rimarrà sempre una festa, anche quando non si vince mai (non è vero ma serve a consolarci).
Certo è che una vittoria aiuterebbe a tenere la testa un po’ più alta e a passare un Natale meno ansioso, ma per ora la vita calcistica va così e bisogna accettarla, in fondo lo sapevamo che sarebbe stato complicato salvarsi.

Domenica prossima il Palermo andrà in Liguria a giocare contro il Genoa, l’Empoli giocherà in casa contro il Cagliari. La logica suggerisce che i rosanero perderanno ancora terreno da quel quart’ultimo posto utile per rimanere in serie A, se lo status quo rimarrà tale non si potrà evitare in alcun modo una lenta e inesorabile caduta nel calcio che conta di meno, forse il posto che, ahinoi, in questo momento merita Zamparini ma sicuramente non quello che meritano la città di Palermo e i suoi tifosi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.