Palermo: buio dentro, fuori e tutto intorno

311

In una serata buia, sotto gli occhi del suo ex capitano Fabrizio Miccoli, il Palermo festeggia la millesima partita in Serie A. Serata buia per i problemi all’impianto di illuminazione, che regala un romantico finale di partita illuminato dai cellulari dei tifosi, e soprattutto per il risultato, un secco 4-1 per la squadra ospite che non lascia spazio ad alcuna replica.

I granata partono subito spingendo con forza sull’acceleratore ed è solo un ottimo Posavec che riesce ad arginare la loro furia. Inaspettatamente, però, è il Palermo a passare in vantaggio con un’incornata di Chocev su perfetto assist di Diamanti. Lo slancio positivo dei rosanero, però, trova un brusco stop con l’infortunio di Accursio Bentivegna. Il giovane attaccante, finalmente in campo fin dal primo minuto, infatti, si accascia a terra al dodicesimo minuto, vittima di un infortunio muscolare. Viene chiamato in campo d’urgenza Hiljemark, che si veste in tutta fretta e viene scaraventato nella mischia, per uscirne nel secondo tempo dopo aver esibito una prestazione pessima. Il Toro dilaga e l’unico che non infierisce è l’ex ancora nei cuori dei rosanero, il gallo Belotti.

Nella seconda frazione di gioco il Palermo cerca di costruire qualcosa, senza fortuna. Nestorovsky non è in serata e non riesce a realizzare un gol praticamente già fatto su ottima azione di Alesaami. Chocev si mangia la possibilità di segnare una doppietta e diversi tiri dalla distanza non centrano il bersaglio. In un paio di occasioni ci metto lo zampone l’ottimo portiere del Toro, Hart, e alla fine…

…restano poche parole, solo tanta delusione. Sappiamo bene che quest’anno c’è poco da illudersi, ma tant’è, uno ci spera sempre… La prossima sarà una partita difficile, vedremo cosa si inventerà De Zerbi…sempre che per allora sia ancora al suo posto sulla panchina del Palermo. Chissà. Conoscendo il patron Maurizio Zamparini non c’è da metterci la mano sul fuoco.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.