Palermo, l’opinionista: per De Zerbi più ombre che luci

227

La prima di De Zerbi sulla panchina del Palermo, paradossalmente, non inizia in panchina, bensì in tribuna a causa di una squalifica da scontare. Nella serata in cui l’intero incasso sarà devoluto alle popolazioni terremotate (quasi 11.000 spettatori, per fortuna, nonostante la guerra aperta tra i tifosi e Zamparini!), le due squadre partono a ritmi forsennati. Si vede subito la mano del nuovo tecnico rosanero nelle linee più strette, nel tentativo di arginare gli attacchi preferiti dai partenopei, quelli per le vie centrali. E per i primi 45 minuti il Palermo regge bene e risponde colpo su colpo, grazie in particolare a un attento Rajkovic, che limita per tutto l’incontro le velleità offensive di Milik. Il nuovo acquisto Diamanti, l’unico giocatore realmente di pregio sbarcato alla corte di Zamparini, sembra già ben calato nella realtà rosanero e mostra subito lampi del suo talento.

L’altra faccia della medaglia

Fin qui tutto bene, ma… ovviamente c’è un ma. Il Palermo si difende forsennatamente, ma in pratica non si supera mai la metà campo. Come previsto il grande punto interrogativo è: chi segna? I soliti ottimisti dicevano “ora c’è Diamanti…” OK, e quindi?

Un uno-due micidiale

Naturalmente dopo 45 minuti a questi ritmi ci si poteva aspettare un calo di energie e concentrazione. E purtroppo questo calo arriva praticamente subito. Il capitano del Napoli, Hamsik, si conferma bestia nera del Palermo e segna il suo ottavo gol ai rosanero, prendendo per mano la squadra e mostrando la via. E Callejon non si fa pregare e subito lo imita. In una manciata di minuti un uno-due micidiale mette KO il Palermo, che in balìa degli avversari non riesce più a riorganizzarsi e subisce pure il terzo.

Gli addetti ai lavori si aspettano ora di vedere le idee di De Zerbi in attacco, dopo aver visto quelle in difesa. Ci si domanda cosa potrà inventarsi con i giocatori a sua disposizione. Ma la vera domanda è, con Zamparini riuscirà a sedersi almeno una volta su quella panchina?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.