Paquetà: il nuovo Kakà è pronto a vestire rossonero

1042

A breve l’ufficialità per l’arrivo di Lucas Paquetá dal Flamengo: un colpo alla Leonardo. Operazione da 35 milioni di euro più bonus.

Un gioiellino per il Milan. In patria è considerato uno dei migliori giovani talenti brasiliani.

Classe 1997, è alto 1,80 ed è da sempre cresciuto nelle giovanili del Flamengo.

In campionato ha segnato 9 gol in 24 partite (più due assist). Ottimi numeri per un giocatore che non è un attaccante.

Si tratta comunque di un trequartista offensivo, che ama i dribbling e l’uno contro uno, classica caratteristica dei brasiliani.

Cui si aggiunge una buona forza fisica, cosa non scontata per chi arriva dal Sud America.

Un mix, quindi, di caratteristiche fondamentali nel calcio moderno che traccerebbero l’identikit di un giocatore che attualmente nella rosa del Milan manca.

Il ruolo e la collocazione tattica

Paquetá ha visione di gioco, buona tecnica e vede la porta. Ha le caratteristiche da trequartista che è il suo ruolo naturale.

Nell’ultimo anno, però, ha fatto anche la mezzala, seppur con caratteristiche molto offensive. Ed è proprio in questo ruolo che si può collocare nel Milan, considerando il 4-3-3 di Gattuso.

Un 4-3-3 dove le mezzali hanno caratteristiche diverse: da una parte Kessié, con corsa e sostanza, dall’altra Bonaventura, con gol e gestione della palla.

Giocando come mezzala offensiva, quindi partirebbe come vice Bonaventura.

Ma all’occorrenza potrebbe giocare anche da esterno d’attacco, nel ruolo di Calhanoglu o di Suso. Mancino naturale potrebbe giocare sulla sinistra al posto dello spagnolo, o scalzare dalla parte opposta il turco che non sta offrendo un ottimo inizio stagione.

Ma prima bisognerà testare anche la gamba e la velocità del giocatore.

In ogni caso se  Gattuso dovesse decidere di cambiare e passare a un 4-2-3-1 Paquetà troverebbe la sua collocazione tattica ideale.

Il nuovo Kakà?

Paquetà è un colpo alla Leonardo che difficilmente quando ha pescato dal Brasile ha sbagliato.

Brasiliano, trequartista con buon dribbling e ottima tecnica riporta immediatamente alla mente dei tifosi il paragone con Kakà.

Anche se è un paragone forse troppo frettoloso.

Da subito infatti l’agente del giocatore ha spiegato come siano due giocatori differenti.

In campo, Lucas, si muove diversamente: svaria sulle fasce mentre Ricky agiva più centralmente. Inoltre è forte fisicamente motivo per cui  può fare bene in Italia, ma bisogna avere calma.”

Quello che stupisce, infatti, per un fantastista sudamericano è proprio la componente fisica. Basti ricordare i vari Pato e Coutinho quando sbarcarono in Italia.

Anche Paquetá inizialmente era molto esile. Era addirittura sotto la media e soffriva di un problema osseo.

Ma la famiglia credeva molto in lui e ha deciso di insistere, sottoponendo il ragazzo a trattamenti medici e cure specialistiche per cambiare il suo fisico.

I risultati sono arrivati, e ora,  è considerato un vero predestinato pronto a fare il grande salto. 

Un pericolo da evitare

Il giocatore arriverà a gennaio, quando il campionato è nel vivo ed è più difficile inserirsi.

Solitamente per chi arriva a gennaio serve qualche mese di tempo per integrarsi alla squadra, tra ambientamento e preparazione.

A Paquetá potrebbe servire un po’ più di tempo visto che arriva dal Brasile e da un campionato totalmente diverso, con altri ritmi.

Dovrà capire la Serie A, dovrà adattarsi e lavorare anche molto fisicamente. Da parte del Milan ci sarà sicuramente la volontà di non bruciarlo.

Il pericolo può essere questo: avere subito delle aspettative troppo grandi per un giocatore comunque giovane e alla prima vera propria grande esperienza nel calcio europeo.

Nonostante ciò, il Milan ha speso un grande cifra per acquistarlo e, Leonardo, è stato bravo ad anticipare la concorrenza degli altri top club europei.

Non ci resta che aspettare l’ufficialità e l’arrivo del mese di Gennaio per vedere il giocatore direttamente in azione sul campo.

Augurandoci di aver preso un vero top player… bienvenidos Lucas Paquetà!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.