Parma: Follia e delirio a San Siro

581
Parma Iacoponi Gervinho
Coppa Italia segnano Gervinho e Simone Iacoponi

La risolve Federico Dimarco! Il Parma espugna San Siro e porta a casa la prima meritata vittoria stagionale

Inter – Parma 0-1

“Triplice fischio di Manganiello, finisce qui! Clamoroso a San Siro! Il Parma neopromosso batte uno a zero l’Inter di Spalletti.”

Credo che nemmeno il più fanatico dei tifosi crociati immaginasse un epilogo del genere. Questi risultati sono il motivo per cui il calcio è considerato lo sport più bello del mondo. Non ce l’abbiamo fatta con la Juve, ce l’abbiamo fatta a San Siro con l’Inter! Io ancora non posso crederci!

La tattica e l’applicazione dell’undici di D’Aversa è riuscito, non senza difficoltà, a fare bottino pieno a Milano. L’Inter, per onor di cronaca, ha attaccato per quasi tutta la partita e forse può recriminare per un tocco di gomito in area di Dimarco. Forse sarà stata un po’ sfortunata, ma gli uomini di Spalletti ci hanno messo tanto del loro per complicarsi la vita e più che altro dovrebbero recriminare a loro stessi.

Tanta stima per Sepe che ha respinto in modi a volte sconosciuti dal genere umano i palloni dalla porta; decisivo a metà secondo tempo (involontariamente…?) quando la sosta per un suo piccolo infortunio spezza il ritmo ai giocatori interisti che erano in fase di spinta massima per cercare il vantaggio.

E’ l’episodio che cambia la partita.

L’Inter si innervosisce e va in confusione, il Parma riparte alla velocità della luce con Gervinho e Di Gaudio.

“Bobby English” una bestia, fa reparto da solo.

Al minuto 79′ Dimarco lancia di esterno un fendente che ammutolisce i 60.000 del Meazza e fa andare in delirio gli 800 supporters gialloblù. Una follia pensarlo, un’impresa realizzarlo.

Evidentemente l’Inter ha un rapporto strano con i nostri terzini sinistri. L’ultima volta che vennero a Parma fu addirittura doppietta per l’incredulo De Ceglie.

Dando un’occhiata alle statistiche, per il Parma l’Inter è la squadra ideale da affrontare. 7 punti per i ducali negli ultimi 3 incontri. I nerazzurri non vincono dal 19 aprile 2014.

Una vittoria che dà ossigeno a tutto l’ambiente. Escludendo la partitaccia contro la Spal, i ducali hanno giocato sempre ottime partite in questo inizio di campionato. Ora l’emorragia di punti è stata tamponata. D’Aversa si sta dimostrando sempre di più allenatore adatto alla serie A, fiducia massima quindi al mister. Ovviamente non solo perché ha vinto a San Siro.

Difesa e attacco sono i punti di forza di questo Parma, a centrocampo e in porta c’è tanto da lavorare e si può fare decisamente di meglio.

Oggi festeggiamo ancora per l’impresa, ma da domani testa al Cagliari, nostro vero avversario e secondo banco di prova per la lotta salvezza.

POTREBBE INTERESSARTI>>Parma: spariti i fantasmi, prossimo obbiettivo fare punti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.