Parma – L’Imperatore fatale

345
Parma-Salernitana sembrava già vinta. Sembrava già chiusa. Appunto, sembrava… Un Parma con poco carattere getta al vento due punti nel secondo tempo

Parma – Salernitana 2-2

Lo Sciamano ha emesso il suo verdetto: il Parma ha esperienza all’anagrafe, ma non in campo.

Un primo tempo brillante, un doppio vantaggio che dà una certa serenità all’intervallo, gioco vivo, squadra sugli scudi e poi… e poi una catastrofe.

SEMrush

I gialloblù tornano in campo nel secondo tempo subendo costantemente il gioco di una Salernitana non irresistibile. L’infortunio di Scozzarella, il gol degli ospiti, l’espulsione di Di Cesare, eventi a catena che portano al rigore con annessa espulsione di Iacoponi. E’ 2 a 2 il parziale e il Parma è in 9 uomini. Ultimi minuti da incubo, ma la difesa tiene e salva d’Aversa da una sconfitta che sarebbe stata oltremodo imbarazzante.

Parma sprecone sotto porta, Di Gaudio brillante ma poco preciso, ancora una volta sono i difensori a dover togliere le castagne dal fuoco. Prima Di Cesare, poi Lucarelli a segno, sempre su sviluppi di calci piazzati. Questo Parma non riesce a segnare con i suoi attaccanti su azione. Il problema continua. Anche con un’eventuale vittoria 2 a 0 il problema sarebbe rimasto. C’è veramente tantissimo da lavorare su questo aspetto tecnico e su quello psicologico. Inconcepibile buttare due punti al vento come ieri. Era una partita già vinta, già chiusa, era sufficiente continuare a giocare con la stessa mentalità del primo tempo.

A mio avviso la scelta di inserire Munari non è stata corretta, troppo lento in quel ruolo per come si stava mettendo la partita, ma resta un pensiero personale, fortunatamente non sono io il mister. Wolverine è un grande, ma in quella posizione non si può guardare!

Criticare o stare sempre zitti?

Giuste le critiche al mister, giuste le critiche alla squadra, i problemi sono troppo evidenti per fare finta di niente. Devono essere però costruttive e non tentativi di linciaggio mediatico a random. Esiste un problema (o più…), bisogna trovare il modo di risolverlo e lavorare tutti nella stessa direzione per risolverlo.

Ora al lavoro per la trasferta di Palermo, fortunatamente un Palermo senza i nazionali, ma sarà comunque durissima. Difesa da ridisegnare. Assenti certi Iacoponi, Di Cesare Ceravolo, in dubbio Scozzarella.

Il Parma si ama.

LA CLASSIFICA PROVVISORIA:

Potrebbe interessarti: Parma – Il pianto della laguna

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.