Parma – Il pianto della laguna

273

A Venezia un Parma cinico. Il gioco ancora latita, ma l’impegno si è sicuramente visto. Soliti piagnistei lagunari a fine partita in un perfetto “Venice-style”

Venezia – Parma 0-1

Questione di stile, questione di modi di fare, di vivere il calcio, di sapersi confrontare con gli avversari. Da due stagioni il Venezia piange senza averne motivo. Piange Perinetti, piange Domizzi, piange Inzaghi. La laguna orma è colma e delle loro lacrime studiate a tavolino ormai nessuno sa più che farsene. Le dichiarazioni post-partita di ex “SuperPippo” hanno fatto venire il latte alle ginocchia a mezza Italia, ma al popolo gialloblù ormai scivolano via come pioggia sulla cerata. Hai perso, hai meritato di perdere. Taci! Avete creato un dualismo con il Parma che sentite solo voi. Credete di essere una grande realtà? Ma chi vi considera? Un Parma non brillante vi ha battuti, ha giocato da Parma, con il solito gioco sotto ritmo che alla lunga diventa sfiancante (soprattutto per chi guarda la partita, ndr). Di Cesare, migliore in campo ieri, ha sfruttato una delle rarissime occasioni della partita ed ha affondato il colpo da tre punti.

Un Parma assolutamente non guarito, ma che ha reagito da squadra ai tre k.o. consecutivi. C’è tanto, tantissimo lavoro da fare, ma i tre punti conquistati in laguna sono fondamentali per continuare a lavorare, per continuare a sognare, per placare tutte le critiche delle scorse settimane. Teniamoceli stretti e lasciamo lavorare questi ragazzi, la strada è lunghissima e tortuosa, soltanto tra qualche mese sapremo il vero ruolo di questa squadra in questo campionato. Protagonista per la promozione o semplice comparsa da metà classifica? Io la mia idea ce l’ho e sarei pronto a scommetterci su…

SEMrush

Un saluto affettuoso a Domizzi 😛

LA CLASSIFICA PROVVISORIA:

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.