Potevamo saperlo che…questa serie A iniziasse così

285

La serie A domenica è ricominciata vediamo nel consueto appuntamento potevamo saperlo che…cosa ha più impressionato di questa prima giornata

Una serie A che inizia con numeri così copiosi non la trovavamo da un po’: 32 goal segnati in 10 partite.

Si vede che il calcio d’agosto non affievolisce, anzi dà più energia. Vediamo quali situazioni e azioni hanno sorpreso tifosi e amanti del calcio nazionale.

HIGUAIN AL PRIMO COLPO

Potevamo saperlo che…mister 36 goal segnasse alla prima occasione con la sua nuova maglia bianconera, dopo i giorni di polemiche da Napoli e dopo le fatiche sudamericane?  Sì, potevamo saperlo e infatti ora lo sappiamo: CHE CAMPIONE D’AREA DI RIGORE! CHE BOMBER SIGNORI E SIGNORE

PEROTTI IL NUOVO EROE DI ROMA

Potevamo saperlo cheDiego Perotti, argentino di nascita col 10 tatuato sul collo sarà il nuovo 10 della Roma dopo Totti? E’ presto per dirlo,  ma dopo il secondo tempo di Roma-Udinese è un’ipotesi possibile, non un azzardo: VERO CAPITAN FUTURO

IL MILAN SALVATO DA UN MINORENNE

Potevamo saperlo che…Milan-Torino –  ultimo minuto di partita e Paletta traina giù l’attaccante granata. E’ rigore! Sacrosanto!

Sul dischetto ci va un rigorista, giovane emergente, detto il Gallo e di nome Belotti: calcia sicuro verso destra e calcia potente, ma Donnarumma, attualmente minorenne si tuffa con una manona imponente e toglie la palla dall’angolo. Il Milan vince la prima di Montella e getta via la tripletta di Bacca e quel ragazzo che si chiama Luigi non sarà il nuovo Buffon, ma ci va vicino: GIGIO PRESTO IN NAZIONALE

BOLOGNA E SASSUOLO COSì SPUMEGGIANTI

Potevamo saperlo che…alla prima di campionato il Sassuolo, neo eroe d’Europa dopo il 3-0 contro la Stella Rossa, atterrasse a Palermo e desse ai siciliani una lezione di gioco con un goal su rigore e numerose occasioni successive? No, non potevamo saperlo e questa realtà nuova ci piace: VIVA IL SASSUOLO

Vogliamo parlare del Bologna che, seppur ospitando la matricola Crotone, ha proposto per sessanta minuti un calcio spumeggiante, con due pali, con occasioni da goal e con un Cordaz (portiere del Crotone) sempre sulle spine? Dopo l’addio di Giaccherini e di Diawara pochi lo pensavano…complimenti DONADONI

IL PESCARA DI ODDO: LA VERA SORPRESA

Potevamo saperlo che…all’esordio, nel suo stadio, il Pescara di Oddo infilasse nell’arco di venti minuti due reti alla squadra che lo scorso anno arrivò seconda e inseguì la Juve fino all’ultimo? Assolutamente NO! Il Pescara di Oddo con i suoi giovani, con le sue linee di passaggio e il suo gioco veloce ha messo in serie difficoltà i campioni napoletani e se Coda non viveva quell’istante di svarione, a quest’ora la trovevamo fra le prime: CARRAMBA….che BENALI E CAPRARI

LA BABY LAZIO CHE FA SPETTACOLO

Potevamo saperlo che…la Lazio, alle prese con il caso Keita, senza Candreva, in una situazione di mercato poco chiara e anche molto parca, salisse a Bergamo e regalasse ai suoi tifosi tre reti in quarantacinque minuti. Fra cui la firma del nuovo attaccante, Ciro Immobile e l’esordiente degli esordienti Lombardi Cristiano? No, sopratutto quando vai in un campo difficile come Bergamo, in uno stadio agitato come Azzurri d’Italia e con una difesa dove esordiva Lukaku, che dopo la prestazione dell’Europeo, nessuno gli dava una lira? No, bel segnale per la banda giovane di Inzaghi che forse potrà stupire i suoi detrattori, ma è presto per dirlo!

CILECCA INTER E BIRSA L’UOMO DELL’INIZIO

Potevamo saperlo che…l’Inter di De Boer tornasse a casa con due schiaffi pesanti dal soggiorno in terra veronese, anzi clivense e dando un’immagine di squadra poco incisiva, disordinata e permeabile. Icardi non pervenuto e Eder non è certo la seconda punta veloce e disposta al sacrificio degli azzurri. E’ proprio il caso di dire l’olandese mancante.

Ricomincia il campionato e ricomincia Valter Birsa. L’ex rossonero ama i primi mesi del campionato e come l’anno scorso è partito alla grande: doppietta all’esordio, con due reti di buona fattura e una carica da leader! Valter l’uomo dell’inizio campionato

IL GENOA SI CONFERMA PAZZO

Potevamo saperlo che…i genoani di scuola Gasperini, orientati ora da Juric iniziassero a loro modo il campionato di serie A: squadra pazza. Prima i goal di Borriello e poi un 3-1 pungente con Ncham, Rigoni e Laxalt. Tante conferme per il nuovo mister e mancava ancora Pavoletti: #PAZZOGENOA

BENVENUTE IN SERIE A 

Benvenute in serie A Crotone e Cagliari. Da fuori, sembra facile, quando si vedono in tv gli highlights in televisione, ma quando ci si ritrova in quegli stadi, assordati da maratone e curve mai dome, tutto si fa più difficile. Così Al Dall’Ara del Crotone straripante di Budimir e Torromino è rimasto poco o nulla e s’è vista una squadra impaurita che ha cercato di affidarsi a super Cordaz e a un asseto stabile, ma alla fine ha ceduto sul destro di Destro.

I sardi si sono presentati a Genova con coraggio e un modulo 3-5-2 ben coperto, ma fantasioso, pur mancando Farias e Joa Pedro. Buono l’impatto con la sfida, tenendo conto che i rossoblù hanno creato al pari del Genoa. Purtroppo per loro i genoani non mollano mai e anche quando sono in vantaggio sanno ribaltare la sfida. Detto, fatto! Il Cagliari graffia con Borriello, il Grifone risorge e lo abbatte. Indubbiamente i movimenti visti e gli sviluppi di alcune azioni importanti sono portatrici di fausti presagi.

Ad ogni modo che: Benvenute in serie A ad entrambe

LEGGI ANCHE:

CROTONE: IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO?

 

 

Previous articleLa Liga che verrà: quarto capitolo!
Next articleMeersman raddoppia alla Vuelta
Nato a Milano il 09/09/1984. Gestore content editor e piano editoriale del sito www.tifoblog.it. Come tutti i colleghi che scrivono in questo sito, noi ci proponiamo di fare del #tifogiornalismo senza tralasciare lo scoop e la notizia, ma interagendo con i tifosi. Collaboro per il sito www.milanoweekend.it - sezione Sport e per il sito www.casanapoli.net Nella vita studio e lavoro, perché non si finisce mai di imparare e coltivo una passione culturale sfrenata per arte, letteratura e poesia. Il mio motto è: a metà fra questo secolo e i precedenti con in testa di fare qualcosa che nessuno ha mai fatto!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.