Potevamo saperlo che…timbro Juve, ma che spettacolo complessivo!

244

Potevamo saperlo che: ovvero un’analisi curiosa della giornata di serie A. Curiosità e #hastag per definire una giornata di campionato

POTEVAMO SAPERLO CHE: UNA DELLE GIORNATE DI CAMPIONATO PIU’ SPETTACOLARI

Finalmente una giornata in stile Premier League in serie A. Partite con risultati a sorpresa, errori arbitrali gravi, vittorie larghe ed emozioni a non finire. Di contro c’è un mezzo verdetto che emerge da questa ventiduesima: la Juve allunga in testa e con il recupero ancora da giocare potrebbe trovarsi a sette lunghezze già a febbraio. Resta caliente la corsa Champions ed Europa League con sette squadre, che possono raggiungere l’obiettivo continentale. Nella zona centro colpiscono le vittorie di Udinese, Chievo e Sampdoria ottenute con tre partite differenti, fra sudore e sacrificio. Dal basso mette fuori il naso il Crotone vincente nello scontro diretto contro l’Empoli. per i calabresi si apre uno spiraglio di salvezza. Sempre più arrendevole il Pescara di Oddo.

POTEVAMO SAPERLO CHE: ARBITRI – RIMONTE E POSAVEC

La Roma ferma il suo inseguimento nei confronti della Juventus a Genova e il Napoli si fa bloccare da mister Posavec.

In ambiente romano si recrimina sia sull’arbitraggio di Mazzoleni sia su un clamoroso autogoal in trasferta. La Roma fa il solito passo falso che non ci vuole in questo momento e si ritrova ad abbandonare ogni velleità sul primo posto. Spalleti un po’ di mea culpa deve recitarla, se è vero che conviene far turnover contro il Cesena che contro la Sampdoria. Da questo punto di vista ci si chiede, ma #Vermaelen era negli spogliatoi durante la partita?

Le uniche anime vive dei giallorossi sono state, come spesso avviene da un po’ di tempo a questa parte, mister Edin 15 goal  e il solito incommensurabile Ninja. Da lodare anche la prestazione di quell’Emerson, che a inizio stagione fece danni contro il Porto e ora invece si sta ritrovando. Ci sarebbe anche da sottolineare il primo atteso goal di un terzino di classe come Bruno Peres, ma tocca parlar di altro.

In primis della strepitosa prima vittoria stagionale della Sampdoria collezionata da quel centravanti del futuro che si chiama Patrick Shick (giocatore che per istinto del goal e senso della posizione è davvero interessante) e da quel redivivo di Muriel che offra l’assist al bacio per Praet e poi realizza un capolavoro alla brasiliana su punizione. Muriel dopo due mesi. #Muriel fenomeno o bivaccone? 

Poi resta il dubbio Mazzoleni: era rigore quello su Dzeko? Decisamente le telecamere dicono di sì, ma ad ogni modo i giallorossi avrebbero cavato fuori poco e nulla: #Spalletti perché Vermaelen? 

Andiamo a Napoli dove un altro giovanotto dalle buone armi, cioè le braccia e che di nome fa Josip s’è preso il palcoscenico. Napoli sotto forma di assedio perenne dopo il goal di Nestorovski e Posavec le prende tutte o è grato alla fortuna dei legni, fino a quella papera clamorosa che gli toglie un 7,5 meritato: #campionedistratto

Arbitro distratto è invece quel di Udine, dato che non punisce a dovere De Paul e l’argentino, dopo un anonimato zidanesco duranto sei mesi, sigla la vittoria: #Depaulistadattesa

Milan infuriato o giù di lì, De Sciglio anzitempo negli spogliatoi, ma il Diavolo aveva legittimato il vantaggio di super Jacky Bonaventura? No ! Potevamo saperlo che Delofeu fosse tecnicamente così valido? Uhm forse, però la domanda da porre al Condor è: servivano davvero altri due esterni (Ocampos è ufficiale) o conveniva guardare al mercato dei centrocampisti mediani? #Diavolointilt mercato

Complimenti all’Udinese che porta a casa la prima vittoria con una partita di sacrificio e coraggio. Occhio a Fofana, che perde parecchi palloni, ma se verrà addomesticato bene può incidere sul match. Ricorda vagamente Asamoha!

POTEVAMO SAPERLO CHE: SPETTACOLO OGNI DOVE PRIMA E DOPO IL THE’

Nelle altre partite giornata di campionato di mille volti e colori calcistici. Potevamo saperlo che il Crotone vincesse 4-1? Che Borriello arrivasse in doppia cifra? Che Genoa e Fiorentina sono puro spettacolo in campo? Che il Chievo giocasse un brutto tiro alla Lazio?

Diciamolo pure è successo di tutto e di più. Nulla potevamo aspettarci.

Falcinelli, per esempio, anzi il Crotone, per esempio. Tutti si aspettavano o la sconfitta quale sentenza definitiva o un pareggio magro e invece..spunta fuori un grande uomo d’area, rigorista e mister sponda che rialza la cresta degli squali e diventa speranza pura. Tripletta! La prima in serie A e una fisionomia di gioco che ricorda Pavoletti di cui forse il prossimo anno sarà l’erede dell’ex attacante del Sassuolo: #Falciogoal

Che dire di quel girovago, che a 34 anni sfodera il suo sinistro e realizza un capolavoro di pura bellezza: bomber di razza con donne e goal, bravo Marco sei da 10 !

Chiudiamo con la partita strappalacrime e applausi della domenica pomeriggio. Sempre nata per esaltare il fattore GOAL degli scommettitori Fiorentina – Genoa danno vita a uno spettacolo degno di Premier. Gocate d’alta qualità, traverse, parate, errori difensivi e casualità si mischiano in un match più spagnolo che italiano. L’apre Ilicic e la chiude Simeone, ma in mezzo è un mare d’emozione.

Sfida fra bomber a quota 10, cioè Kalinic e Simeone vinta dal figlio d’arte che ha un fiuto del goal inzaghiano da far impressione per la giovane età. Non che il gigante croato non si faccia pregare, ma trova solo uno zampino vincente, non incanta e cede la vetrina al genoano. E vogliamo parlare del secondo goal e mezzo del signorino Chiesa? Cosa ci faceva in gatta buia? Che giocatore questo ragazzo. Domenica prima a sfodera il destro sulla traversa del padre e poi ha dribblato e calciato al centro della porta con potenza e convinzione. Ne farai di strada #Chiesito e pure tu caro #Elcholito

Potevamo saperlo che tutti i giocatori mettessero il lutto al braccio per la tragedia di Rigopiano? Qualcuno dirà ovvietà banale, ma ci pare giusto evidenziarlo è stata una tragedia carnale.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.