Profondo Granata: Grinta e Cuore, e le colpe di Banti?

246
photo by eurosport.com

Ho dovuto chiedere consiglio a un amico per superare il trauma di questa partita. In tutti i modi mi sarebbe piaciuto incolpare Banti per la gestione dei cartellini. Sono felice di sapere che sarei stato nel torto.

Cronaca

Il primo tempo è sembrato non terminare mai. Nessuna delle due squadre in campo ha avuto voglia di segnare e gli unici tiri visti sono stati da almeno 25 metri. A cinque minuti dal duplice fischio, Acquah, stanco di assistere a un tale scempio, decide di inventarsi la giocata che condizionerà l’intera partita, una scivolata in ritardo a centrocampo che gli vale la seconda ammonizione. Da lì la partita si anima e il Pescara per poco non passa in vantaggio.

Il secondo tempo però inizia con un Pescara troppo arrembante e un Toro propositivo.

All’11’ l’episodio che divide gli spettatori. Martinez anticipa Bizzarri lanciato in uscita in ritardo, lo salta (letteralmente) con una capriola e finisce a terra. Per Banti è simulazione.

Poco più tardi Zappacosta riesce a deviare il pallone, destinato al fondo della rete, in angolo.

Il Toro continua a difendersi e a provare a ripartire e, nonostante l’inferiorità riesce a gestire bene il pallone. Al 32’ Vives si ritrova costretto a commettere un fallo tattico per fermare la ripartenza avversaria. Per Banti però il centrocampista entra in maniera troppo violenta, meritevole del cartellino rosso. Di lì a poco il Toro si riversa nuovamente in avanti. Benassi serve l’inserimento di Belotti che di prima tenta il tiro, ma Bizzarri gli nega la gioia del gol, deviando abilmente il pallone sul palo interno.

Ogni tanto sembra esserci una forza repulsiva su quella dannata linea di porta.

L’ultima occasione della partita arriva al 45’, quando, a pochi passi dalla porta, il Pescara fallisce la rete del possibile e definitivo 1-0. Il colpo di testa di Biraghi si spegne infatti un metro sopra la traversa.

Pareri arbitrali (con Marco Dufour)

Praticamente ogni moviola è d’accordo sul fatto che il penalty, da regolamento, andava assegnato. Secondo te?

Va molto a impressione. È vero che probabilmente se non si fosse tuffato l’avrebbe preso e avrebbe fatto fallo, ma l’arbitro ha valutato l’obiettivo di Martinez, ovvero prendersi il fallo. Se invece che saltare si fosse fatto toccare, sarebbe stato rigore.

Ho sostenuto in molti gruppi come il fallo di Vives non meritasse il cartellino rosso, in quanto semplice fallo tattico. Cosa ne pensi?

Conta poco l’intenzione del giocatore. Se l’avesse atterrato con un semplice sgambetto o trattenendolo per la maglia, sarebbe stato ammonito. Vives tuttavia colpisce in maniera violenta l’attaccante del Pescara, con la gamba alta e senza possibilità di prendere la palla. Giusta l’espulsione.”

Considerazioni

Il primo tempo non merita commento. Anche Mihajlovic si è detto arrabbiato per come i suoi ragazzi stessero disputando la partita.

Dall’ espulsione di Acquah qualcosa è cambiato, credo che negli spogliatoi il mister si sia fatto sentire. Nel secondo tempo i granata hanno deciso di giocare a viso aperto nonostante l’inferiorità numerica e per poco non vanno a vincere il match. In più di un’occasione. Anche in nove. Questo indica grande grinta e cuore, caratteristiche fondamentali del Toro.

Le stesse che non si sono viste minimamente in Baselli, mai entrato in partita, “Non mi ha dato nulla” le parole del mister.

Benassi a differenza del compagno di reparto sta cercando di lottare per guadagnarsi il posto da titolare. Il ragazzo ha aiutato ad erigere una diga davanti alla porta di Hart e si è messo in mostra anche in fase offensiva.

Ottima di nuovo la prova di Barreca, che ha messo in campo grande personalità, e degli evergreen Moretti e Bovo.

Altalenante invece la partita di Zappacosta, positivo in chiusura ma mai pericoloso in fase offensiva.

Il rientro di Belotti in attacco è poi motivo di grande serenità. Il ragazzo è infatti una pedina fondamentale della fase offensiva e con Boyè, se ne possono vedere delle belle.

Adesso testa alla Roma. Ci servirà molta più grinta e molta più concentrazione, ma crediamoci!

FVCG!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.