Roma amarcord. A Genova son sempre dolci ricordi tricolori.

223

Torna il campionato e la Roma sarà di scena a Genova. Come non ricordare la storica partita che ci regalò lo scudetto 1982-83?

La Roma inizierà l’anno solare, facendo visita al Genoa e dovrà giocare due partite in trasferta, poiché a Genova si chiuderà l’andata del campionato e da Udine si ripartirà per il ritorno.

Genoa – Roma per chi ha vissuto quello storico 8 maggio 1983 sarà ricordata come la “Partita Scudetto“.  Ci fu un esodo di tifosi giallorossi pronti per l’appuntamento con la storia.
Alla Roma serviva un punto per vincere il titolo. Al Genoa serviva un punto per salvarsi.
Finì 1-1 e per noi fu il secondo scudetto dopo 41 anni!

Memorabile la dichiarazione del Presidente Dino Viola “La Roma ed i suoi tifosi escono finalmente dalla prigionia del sogno”.  Fu una giornata indimenticabile.

Domenica quindi, si ripartirà sul campo del Genoa, sempre molto insidioso quando gioca in casa.
Genoa con le importanti assenze di Rincon e Pavoletti, già partiti per andare alla Juventus e al Napoli.
Ma come squadra è sempre temibile quando incontra una big, infatti quest’anno ha fatto 3 goal a Milan e Juventus, ha pareggiato 0-0 col Napoli e battuto 1-0 la Fiorentina. Si esalta quando incontra squadre sulla carta più forti e blasonate, però quando incontra le cosiddette “piccole” fa un notevole passo indietro e perde sempre punti.
Squadra altalenante ma sanguigna quando serve.

Come si dice a Roma, a Genova è un campo ” …che la buttano in caciara… cioè, puntano sulla corsa, sul pressing, sulla ferocia agonistica (e la Juve ne sa qualcosa visto che ha preso 3 goal in un tempo…) creano mischie in area con tanta confusione. E son supportati da uno stadio bolgia con i tifosi a ridosso degli spalti che spingono la squadra per 90 minuti.

Il classico stadio che servirebbe alla Roma…

La formazione giallorossa che scenderà in campo, è quasi obbligata viste le forzate assenze di Salah, Florenzi Paredes e Manolas.

Quindi Spalletti molto probabilmente schiererà dall’inizio…

Szczesny, Bruno Peres, Rudiger, Fazio, Manolas, De Rossi, Strootman, Emerson, Perotti, Nainggolan e Dzeko.

Per loro invece….occhio al Cholito Simeone, perché il ragazzo è molto sveglio e pericoloso.

Daje Edin contiamo su di te!

dzeko roma
dzeko roma

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.