LA ROMA IMPONE LA LEGGE DELL’OLIMPICO ANCHE AL PESCARA!

227

LA ROMA SEGNA SUBITO DUE GOL CON DZEKO, MA NELLA RIPRESA SOFFRE TROPPO. VINCE 3-2 GRAZIE AL RIGORE DI PEROTTI!

DOPO LA SORPRESA pomeridiana con la sconfitta della Juventus a Genova,  ci si aspettava una Roma all’arrembaggio per chiudere subito la partita e accorciare i punti di distacco in classifica.
Si parte subito bene, con Dzeko che gioca a ritmo blando quasi di allenamento.
Non aveva ancora sudato la maglia, che già aveva segnato due goal.

E chi non ha mai visto la Roma, avrà sicuramente pensato che avesse messo già i tre punti in cassaforte… Ma chi la conosce, sa che questa squadra, non ha la mentalità giusta per blindare il risultato e chiudere i conti. No. La squadra gioca, si rilassa, poi si assopisce, concede spazio e rimette in partita qualsiasi avversario.

Il Pescara ad esempio, aveva perso le ultime 4 partite senza segnare neanche un goal. E’ arrivato a Roma, e ne ha fatti due in meno di un tempo.

Purtroppo ormai, la Roma conferma le solite amnesie di concentrazione e difensive, e la squadra che l’affronta, sa di questa lacuna e un pensierino di fare un colpaccio, lo farà sempre perché sa che prima o poi, avrà le sue chance.

DZEKO SUPER BOMBER. Segna due goal su assist di Perotti, ed è presente in tutto il campo.
Lo stesso Diego è stato devastante con i suoi “strappi” a saltare l’uomo e fare superiorità numerica.

Dopo il 2-0 la Roma stacca la spina. E commette sempre il solito errore di lasciar campo agli avversari, che si rendono pericolosi in più di qualche occasione, ed è da evidenziare gli interventi sicuri di Szczesny che ha salvato la porta. Ma nulla ha potuto sul diagonale di Memushaj. Il goal era nell’aria e così è stato.

Si riparte e si risegna su rigore, trasformato dal solito cecchino Perotti e stavolta sembra veramente chiusa la partita. Ed invece no. Ancora un goal, stavolta di Caprari e ci mette in condizione di soffrire per l’ennesima volta.  Però fortunatamente stringendo i denti, si portano a casa faticosamente i tre punti.

NOTA POSITIVA: si è rivisto il Capitano Francesco Totti dopo più di un mese e si è visto anche il ritorno di Vermaelen. Considerato anche che Mario Rui ha iniziato a giocare (con la Primavera) possiamo dire  Spalletti potrà contare su più giocatori per il reparto difensivo. Bisognerà affrontare un trittico di partite da cardiopalma, e serviranno più gladiatori.

SPALLETTI AI MICROFONI ha così commentato: “ …siamo in una fase di cambiamento. Non ci garba essere belli, ma vincenti. E dico che la squadra ha fatto una bella vittoria, non era facile quando si gioca in tranquillità. “

Sagge parole le sue.  Meglio vincere soffrendo e a stento, piuttosto che giocare bene ma lasciare i tre punti!

DIEGO PEROTTI: 2 ASSIST E UN GOL SU RIGORE. E’ IL NOSTRO TOP PLAYER!

roma perotti
roma perotti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.