Il pagellone rossonero: altro che Cesarini, questa è la zona Romagnoli!

238
udinese milan pagelle

Romagnoli sta diventando l’uomo della provvidenza

Romagnoli regala, dopo quelli contro il Genoa, altri tre punti d’oro al Milan di Gattuso. Con questi arriviamo a nove di fila, tre vittorie consecutive. Numeri fondamentali da mantenere se si vuole andare in Champions la prossima stagione. Ora inizia una settimana di fuoco: giovedi il Betis in Europa League, da non sbagliare assolutamente, per finire domenica prossima con la Juventus. Partita a sè stante e scoglio sulla carta che potrebbe sembrare insormontabile, ma nel calcio, mai dire mai. Sconfitti non si comincia, in nessuno sport e l’idea di fare uno sgambetto ad Allegri & co. è alquanto stuzzicante, diciamocelo.

L’infermeria non si svuota, anzi…

Higuain lascia il campo dolorante, per fortuna ci ha pensato Romagnoli a fare il Bomber di turno!

Il reparto “ospedaliero” dei nostri è pieno da scoppiare. Abbiamo fermi Bonaventura, Biglia, Caldara e Calhanoglu per citare i principali, a questi, ieri sera si è aggiunto Higuain. Ecco, non vi dico le “madonne” che son partite dal divano, sì, le trasferte me le guardo bello comodo, non insultatemi, ma ho anche io una certa età che inizia a farsi sentire.

Fortunatamente il malessere accusato dal nostro Bomber non dovrebbe essere tale da impedirgli di sfidare i suoi ex compagni bianconeri. Perchè diciamoci la verità: chi non avrebbe voglia, fosse al posto del Pipita, di punire e lasciare il segno contro la banda di Allegri e CR7 in primis? Fossi in lui altro che il tanto decantato veleno di Gattuso, io sarei radioattivo, altrochè!

Chi verrà schierato avrà comunque poca importanza, certo, si spera di avere i migliori a disposizione,ma…c’è un ma e anche bello grosso. Avete visto come si stanno comportando le cosiddette “seconde linee”? Hanno totalizzato nove punti su nove, mica male ragazzi. Soprattutto contro Genoa e Udinese abbiamo giocato molto rimaneggiati, ma per grinta e risultato, non ci si può certo lamentare!

La mediana, il vero Cubo di Rubik per Gattuso

Senza Biglia, Calhanoglu e Bonaventura, prima di ieri sera, avrei detto che sarebbe stato bene affidarsi alla Madonna o a un Santo che a voi caro sta.

Con il passare dei minuti, invece, ecco che tutti gli oggetti scaramantici, i santini e le posizioni assunte sul divano sperando di invertire la tendenza, son stati abbandonati per cedere a una realtà inaspettata: anche le cosiddette riserve e, Bakayoko su tutti, sanno giocare a calcio e stanno migliorando!

Chi mai l’avrebbe detto penserete,  ecco, non siete gli unici credetemi. Vedere un gigante di oltre 190 cm districarsi in mediana, tra tocchi leggeri e tacchi vari, oltre che sì qualche errore ma più che ammesso, mi ha fatto brillare gli occhi. Fisicamente ha preso il suo posto, non lo sposti nemmeno a cannonate e nel breve incuterà timore agli avversari. Non faccio paragoni e non tiro in ballo nomi di alcun genere, ogni calciatore è a sè stante e trova le sue principali doti solo giocando. Puoi avere talenti, ma se no scendi in campo mai miglioreranno e mai saprai su quali puntare realmente. Baka rischiava di rimanere un oggetto misterioso, ma per (S)fortuna con tutti questi infortuni è stato obbligato a mettersi sotto i riflettori e hanno obbligato Gattuso a schierarlo, anche se prima del tempo utile.

Ora testa bassa in vista della Coppa e coltello tra i denti contro la Juventus. Io son stanco di fare da comparsa in campionato e, quest’anno, nonostante alcune difficoltà, può essere la stagione giusta per tornare a dire la nostra. Cosa succederà non lo so, ma so per certo che abbiamo una squadra viva, unita e in lotta reale per un posto Champions!

Vediamo ora nel dettaglio come si sono comportati i nostri beniamini:

Donnarumma: 6 – Poco interpellato, risponde presente. Clean sheet in campionato, il primo! Alleluja ragazzi! INVIOLATO

Abate: 6 – Avrà come dite voi i piedi cubici, ma ha un cuore enorme. Gioca per la squadra e per la maglia, io uno così lo stimo. DEDITO

Zapata: 6 – Fà rifiatare Musacchio e non sfigura. Ecco, io avevo il defibrillatore a portata di mano, ma per fortuna è rimasto inutilizzato. STOPPER

Romagnoli: 7,5 – Arcigno e onnipresente in fase difensiva, si riscopre goleador. Sempre più leader, sempre più capitano. Trascinatore di questo Milan. CONDOTTIERO

Rodriguez: 6 – Può non piacere, ma siamo seri ragazzi. Non sbaglia un colpo. Da guardare è brutto e scoordinato, ma è efficace. Soprattutto in difesa. MACCHINOSO

Suso: 6 – Il gol fallito pesa come un macigno. Si rifà con quel mini tiki-taka in area con Romagnoli. Ennesimo assist. ASSIST-MAN

Kessiè: 6 – Smista discretamente la palla. E’ acciaccato e si vede, speriamo regga o migliori prima di spaccarsi. TIRATO

Bakayoko: 6,5 – Molto meglio di Kessiè. Ancora un po’ impreciso, ma che crescita. Si vedono sprazzi di classe oltre che una prestanza fisica sempre più dirompente. INASPETTATO

Laxalt: 5 – Fuori giri fisicamente. Non salta mai l’uomo e di conseguenza non arriva al cross. Deve ritrovarsi al più presto. ALTALENANTE

Higuain: 6 – Gioca mezz’ora e poi lascia il campo. Dovrebbe comunque farcela per la Juve. ZOPPO

Borini: 6,5 – Entra bene ragazzi, chi l’avrebbe detto! Lotta come un leone e partecipa ad ogni azione. UTILE

Castillejo: 7 – Spacca la partita. Si mangia un gol clamoroso, ma è fonte di ispirazione e lotta come una bestia. INDIAVOLATO

Gattuso: 7 – Cos’altro deve fare per conquistare i suoi tifosi? Ha mezza squadra fuori e mezza fuori di testa. Con il materiale umano a disposizione sta facendo miracoli e impara da ogni errore. Futuro grande allenatore. MAESTRO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.