Rubrica Amarcord: Quel Parma – Brescia del 23 Gennaio molto amaro…

169
mero amaro

La Rubrica Amarcord è tornata. Oggi mi soffermerò su una partita che si sarebbe dovuta giocare in questo giorno ma che non si giocò e che rimarrà, soprattutto per alcuni tifosi, un giorno amaro.

Il Parma – Brescia più amaro della storia

Era il 23 gennaio del 2001 e al Tardini si sarebbe dovuta giocare la semifinale d’andata tra Parma e Brescia ma nel riscaldamento, alcuni tifosi, richiamano i giocatori di avvicinarsi. Loro non sanno il perché e non sanno nemmeno che cosa dovevano dirgli e se lasciare il momento pre partita per avvicinarsi. Alla fine, però, uno di loro, un giovanissimo Daniele Bonera decide di avvicinarsi e i tifosi dissero che in un incidente il loro compagno di squadra Vittorio Mero aveva perso la vita. L’ex numero 13 delle “rondinelle” non partì coi compagni perché squalificato e decise di andare a trovare la sua famiglia a Nave e nel ritorno sull’A4 all’altezza di Cazzago San Martino, tra i caselli di Ospitaletto e Rovato avvenne il tragico fatto.

I giocatori, appresa la notizia,  sono increduli e cercano di avere conferme. Tra di questi c’è Roberto Baggio che continua a chiedere spiegazioni e una volta che le conferme arrivano, si tolse i guanti, li buttò sul campo e prese la strada degli spogliatoi. La partita venne quindi rinviata e per la squadra fu un duro colpo.

Per il “Divin Codino” fu ancora più amaro

Quando si decise di rigiocare questo match il capitano e numero 10 partì dalla panchina. Dopo pochi minuti dal suo ingresso in campo, però, e il legamento crociato anteriore si ruppe. Quindi quel match sarà sempre per lui, quello dove ha perso un compagno e poi dove si infortunò. Inoltre, gli costò anche il quarto mondiale, infatti, nonostante, fece in tempo a recuperare  Trapattoni temeva per le sue condizioni fisiche e non lo convocò.

Tornando alla morte di Mero l’effetto della scomparsa mise nella testa di alcuni giocatori la voglia di giocare anche per lui. Tra di questi c’è Emanuele Filippini. Il calciatore, nel match contro il Lecce, che si giocò dopo la scomparsa del numero 13 segnò il primo goal in serie A. Lui che era proprio il compagno di squadra del giocatore da poco mancato.

Questi sono i ricordi che si possono anche sentire e vedere in questo video dal minuto 31′ al minuto 37′.

E voi vi ricordate quel giorno? Scrivetelo nei commenti e a presto con nuovi capitoli di questa rubrica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.