Rugby Championship: Allblacks già campioni

288

Dopo solo 4 giornate, con 2 di anticipo, gli Allblacks hanno già matematicamente conquistato The Rugby Championship 2016. Lotta aperta per il secondo posto

Niente da fare, gli Allblacks si confermano formazione pressoché imbattibile e restano a punteggio pieno anche dopo la 4^ giornata del torneo: 4 vittorie e 4 punti di bonus per un totale di 20 su altrettanti disponibili con +117 di differenza punti (29,25 di margine medio a partita). E così, sebbene manchino ancora due partite, entrambe in trasferta in Sudafrica ed Argentina, la Nuova Zelanda aggiunge un altro trofeo alla già ricchissima collezione. Si tratta del 14° successo in 21 edizioni (le prime 16 a 3 squadre, dal 2012 a 4) e del 4° nelle ultime 5 (quelle dall’ingresso dell’Argentina in poi), un dominio talmente schiacciante che non lascia spazio a repliche.

La partita con il Sudafrica non ha fatto eccezione e nonostante un discreto primo tempo degli Springboks, sotto solo 15-10 all’intervallo, gli Allblacks sono saliti in cattedra nella ripresa realizzando altre 4 mete e lasciando 3 punti appena agli avversari. Il tutto con una certa facilità e disinvoltura. Da segnalare entrambi i fratelli Savea, Julian e Ardie, a segno con una meta ciascuno e gli 11 punti al piede di Beauden Barrett che continua a convincere nel gioco aperto, ma che ancora manifesta qualche imprecisione di troppo dalla piazzola. Poco da dire sul Sudafrica che ha giocato alla pari solo per i primi 30 minuti quando è andato a segno con il solito Bryan Habana, ma che poi è sparito dal campo lasciando la partita alla Nuova Zelanda, troppo superiore sul piano fisico e tecnico. Il risultato finale di 41-13 è molto pesante, ma non rappresenta il massimo differenziale mai registrato tra le due squadre e tutto sommato i sudafricani possono anche tirare un sospiro di sollievo ed iniziare a pensare alla sfida assolutamente da vincere contro l’Australia a Pretoria tra 15 giorni.

A proposito di Australia, importante la vittoria conquistata contro un’indomita Argentina che però ha concesso veramente troppo nei primissimi minuti di partita. Al 13′ minuto di gioco il punteggio era infatti di 21-0 a favore dei Wallabies, un divario che i Pumas non sono più stati in grado di recuperare, nonostante un parziale di 13-0 a cavallo dei due tempi. La vittoria per 5 mete a 2 (36-20) è valsa ai padroni di casa anche il punto di bonus in una classifica che esce ridisegnata da questo weekend: l’Australia rimbalza dal 4° al 2° posto, ma è ora attesa dalle due trasferte consecutive ad occidente e dovrà vincerne almeno una per restare la runner-up del torneo. Tra i singoli, in bella evidenza il mediano di mischia Will Genia autore di una doppietta di mete e dall’altra parte i 10 punti al piede di un sempre preciso Nicholas Sanchez.

Risultati, classifica e prossimo turno:

A Christchurch: Nuova Zelanda 41-13 Sudafrica
A Perth: Australia 36-20 Argentina

Nuova Zelanda 20
Australia 9
Sudafrica 6
Argentina 5

A Pretoria: Sudafrica-Australia (sabato 01/10 ore 17:05)
A Buenos Aires: Argentina-Nuova Zelanda (domenica 02/10 ore 00:10)


Immagine tratta dal sito www.planetrugby.com

Previous articleCagliari, che trionfo sull’Atalanta!
Next articleF1 – Gp Singapore, race analysis
Impiegato e padre di famiglia, perdo ancora tempo come blogger ed eterno aspirante giornalista: dopo aver scritto per Il BiancoNero Magazine e la Federazione Italiana Sostenitori Squadre di Calcio, da settembre 2014 sono nella redazione zona sport di Tifo Blog. Recentemente ho aperto il blog Cesena Mio (www.cesenamio.it) e talvolta mi si può ascoltare come opinionista sportivo a UniRadio Cesena. Oltre all'amato Cesena calcio, seguo con immensa passione il ciclismo professionistico ed il rugby union, sport dei quali ho scritto per anni su Facebook, nonché sui siti web chorse.it e freeforall.it.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.