Rugby Championship: marea nera a Sydney

284

A Sydney gli Allblacks demoliscono l’Australia e si aggiudicano il primo match del Championship. Nell’altro match Sudafrica supera Argentina

Quello andato in scena all’ANZ Stadium di Sydney è stato un monologo della Nuova Zelanda che ha inflitto ai rivali storici dell’Australia la terza sconfitta più pesante della loro storia ultracentenaria. E dire che i presupposti erano ben diversi, con gli Allblacks sì favoriti, ma i Wallabies che sembravano in grado di ben figurare grazie al rientro degli “europei” Matt Giteau, Adam Ashley-Cooper e Will Genia. Ed invece tutto è andato storto agli aussies che ben presto si sono trovati a rincorrere gli scatenati kiwi ed a fare i conti con i pesanti infortuni dello stesso Giteau, del suo sostituto Matt Toomua e del subentrato al loro posto Rob Horne. Ma quella degli infortuni non può essere certo una scusante per una squadra mai scesa in campo, che ha assistito alla peggior partita internazionale di un disastroso Bernard Foley e che non è mai riuscita a contrastare un pallone ai dominanti avversari. Alla fine la Nuova Zelanda, magistralmente orchestrata da Beauden Barrett all’apertura e condotta in porto da un pacchetto di mischia solidissimo, ha segnato 6 mete contro una sola australiana, peraltro arrivata a giochi ormai abbondantemente chiusi, guadagnando il punto di bonus offensivo che la porta subito in testa alla classifica. Il calendario propone una pronta occasione di riscatto ai poveri australiani che però sabato prossimo andranno a Wellington con il morale sotto i piedi, dovendo rinunciare a diversi infortunati e soprattutto con la paura di subire un’altra sonora lezione …

Nell’altro match di giornata, forse meno atteso ma certamente più equilibrato e spettacolare, è stato il Sudafrica a conquistare la posta in palio contro una coraggiosa Argentina. Per gli Springboks è stata una faticaccia inattesa, con i fantasmi della beffa subita lo scorso anno a Durban che si sono materializzati sul campo di Nelspruit quando a soli 11′ dal termine i Pumas sono andati a segno con Santiago Cordero e si sono portati sul 13-23. Il finale è stato di un’intensità pazzesca ed un Sudafrica tutto cuore e grinta ha rovesciato le sorti del match, prima pareggiandolo a 6′ dal termine e poi mettendo la freccia solamente all’ultimo minuto con la meta di Warren Whiteley trasformata da Elton Jantjies per il 30-23 conclusivo. Sarà una gran bella rivincita quella in programma sabato prossimo a Salta, con gli argentini in grado di far valere il fattore campo contro un avversario che non si è dimostrato imbattibile.

Appuntamento al prossimo weekend per la seconda giornata del Rugby Championship, da seguire su Destrosecco in Zona Sport !

Risultati, classifica e prossimo turno:

A Sydney: Australia 8-42 Nuova Zelanda
A Nelspruit: Sudafrica 30-23 Argentina

Nuova Zelanda 5
Sudafrica 4
Argentina 1
Australia 0

A Wellington: Nuova Zelanda – Australia (sabato 27/8 ore 9:35)
A Salta: Argentina – Sudafrica (sabato 27/8 ore 19:40)


Immagine tratta da www.planetrugby.com

Previous articleFiorentina: Preoccupanti analogie
Next articleFinale calcistica olimpiadi: il Brasile vince in casa!
Impiegato e padre di famiglia, perdo ancora tempo come blogger ed eterno aspirante giornalista: dopo aver scritto per Il BiancoNero Magazine e la Federazione Italiana Sostenitori Squadre di Calcio, da settembre 2014 sono nella redazione zona sport di Tifo Blog. Recentemente ho aperto il blog Cesena Mio (www.cesenamio.it) e talvolta mi si può ascoltare come opinionista sportivo a UniRadio Cesena. Oltre all'amato Cesena calcio, seguo con immensa passione il ciclismo professionistico ed il rugby union, sport dei quali ho scritto per anni su Facebook, nonché sui siti web chorse.it e freeforall.it.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.