Ruggito azzurro: Higuain contro tutti

232

 Come un pugno nello stomaco

Il Napoli si deve inchinare al cospetto di una Juventus pragmatica e cinica che risolve la gara con il solito Higuain che ormai è diventato una tassa per il Napoli. Il bilancio di questa sconfitta è preoccupante. La squadra è stanca e giocatori come Insigne, Mertens e Callejon hanno finito la benzina. I ricambi, come denunciato da Sarri a fine partita, non sono all’altezza dei titolari segno che in estate forse non c’è stata perfetta sintonia tra società e tecnico in sede di mercato.

Il tallone d’Achille

Inter, Juventus e Chievo. Tutte e tre hanno un minimo comune denominatore: sono squadre composte da giocatori forti fisicamente. Il Napoli contro queste tre squadre ha mostrato gli stessi limiti, quelli di una squadra troppo leggere composta da troppi giocatori di bassa statura. Gli unici giocatori che davano peso alla squadra, ovvero Ghoulam e Milik, si trovano in infermeria e ne avranno ancora per molto tempo. Nella gara di venerdì ogni qualvolta Jorginho o un suo compagno di reparto tentava l’affondo in area per Mertens, esso andava a sbattere nel muro bianconero rendendo invano tutti i tentativi per pareggiare la partita.

SEMrush

Attacco spuntato

Tre gol nelle ultime quattro partite. Questo è il magro bottino dell’attacco azzurro che ci ha abituati fin troppo bene alle goleade. I tre piccoletti praticamente non si sono mai fermati da Agosto fino ad oggi e ora stanno arrivando i primi segni di stanchezza. Giaccherini e Ounas non hanno dato ampie garanzie al tecnico che per tentare di far rifiatare i titolare ha provato le soluzioni Rog e Zielinski che sono una semplice forzatura. La decisione di aver acquistato solo Ounas e Mario Rui potrebbe rivelarsi un boomerang per il Napoli che rischia di lasciare altri punti per strada.

Rialzarsi subito

Questo è il primo momento difficile per il Napoli, in campo contro le piccole per ora ha sempre mostrato maturità. Adesso dovrà ripetersi dimenticando al più presto questa sconfitta e reagire subito con Feyenoord e Fiorentina che con lo scontro diretto tra Juventus e Inter c’è la possibilità di tornare primi.

Leggi anche:

Ruggito azzurro: Gli eroi che non ti aspetti

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.