Ruggito azzurro: Il Napoli non molla nulla

231

Vittoria di grande autorità

Il Napoli porta a casa altri tre punti importantissimi per tenere ancora dietro Lazio, Juventus e Inter con una gara in meno. La partita contro il Sassuolo poteva finire tranquillamente in goleada e per la mole di gioco espressa un pizzico di rammarico per rimpinguare la differenza reti resta. Il Napoli ha sempre avuto il pallino del gioco però basta una minima distrazione e becchi gol. Quest’anno la musica è diversa. Bastano pochi minuti e si passa subito avanti per poi controllare la gara fino alla fine.

Bene i titolari, male le seconde linee

Come è capitato contro il Genoa ci sono stati alcuni cambi nel reparto difensivo. Stavolta a riposare era Koulibaly e come nella gara infrasettimanale si è sentita la mancanza della coppia titolare. Sia Albiol che Chiriches sono andati in difficoltà con Falcinelli con il rumeno che ha rischiato grosso sul fallo per fortuna da fuori area corretto dal VAR. Anche Zielinski nella ripresa ha sbagliato troppi passaggi. Pertanto la carretta l’hanno tirata ancora una volta i titolari con Allan, Callejon e Mertens sugli scudi soprattutto con il primo che è stato il migliore a centrocampo vincendo tutti i contrasti sui centrocampisti neroverdi.

SEMrush

La sorpresa che non ti aspetti

L’unica riserva che sta rispondendo positivamente è Maggio. Chiamato in causa per quelle poche volte si è sempre trovato pronto garantendo prestazioni di ottimo livello senza sbavature. In estate si è discusso molto sulla scelta del Napoli di non rinforzare la corsia destra. Per ora la scelta si sta rivelando vincente, senza rimpiangere Hysaj che ultimamente ha sempre giocato e in debito d’ossigeno.

Vincere aiuta a vincere

Ultimamente nell’ambiente azzurro si considera la Champions più un peso che una piacevole esperienza. Ritengo che fare bella figura contro il City sarà importante per mantenere il morale alto e la consapevolezza dei propri mezzi. Continuare la striscia positiva aiuterà sicuramente per mantenere il cammino intrapreso in campionato e rincorrere quel sogno chiamato scudetto.

Leggi anche:

Ruggito azzurro: Mertens l’instancabile

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.