Lanterna Blucerchiata: Reggere l’urto e rispondere con forza

330
sampdoria

Per la Sampdoria, dopo Udine, esisteva un solo coro: rialzati e rispondi con forza!

Dopo la batosta di Udine, l’obiettivo della Sampdoria per la partita di domenica era uno solo: rialzarsi subito. L’avversario accolto tra le mura amiche di Marassi di certo non era dei più malleabili. L’Atalanta di Giampiero Gasperini, infatti, non è mai un cliente facile e anche questa volta ha dimostrato il suo valore, dovendo però cedere di fronte a una squadra che ha saputo fare gruppo e attendere il momento giusto per dare la zampata.

Andiamo con ordine.

SEMrush

Reggere l’urto

I bergamaschi sono entrati in campo come furie, attaccando a testa bassa per tutto il primo tempo e chiudendolo di fatto in vantaggio per 1 a 0.

Subito lo sconforto ha colto tanti tifosi. Vedevamo la nostra beneamata sballottata a destra e a sinistra, ma io, non so se per una specie di premonizione o per un ottimismo dato comunque dal paio di occasioni avute nonostante la veemenza dell’avversario, ero certa che nel secondo tempo le cose sarebbero cambiate.

Mi sono detta “basta reggere l’urto, non possono resistere a lungo a questi ritmi. Quando poi saranno “spompati”, se reagiamo con forza è fatta”. Detto fatto.

Reagire con forza

Giampaolo è un maestro alla Sampdoria

I ragazzi sono stati bravissimi a limitare i danni nel primo tempo e, nel secondo, complici anche un paio di cambi azzeccati di mister Giampaolo, la partita ha cambiato volto.

Duvan Zapata, un trattore inesauribile nonostante le fatiche intercontinentali con la sua nazionale (un grande, ho adorato quando ha commentato quasi scandalizzato “perché mai dovrei essere stanco?”, ndr), ha aperto le danze grazie a un ottimo assist di Quagliarella. E una volta aperta la via, ecco il raddoppio di Caprari, al primo gol a Marassi (spero il primo di una lunga serie), e la splendida rete di Linetty. Che gol, ragazzi!

Tre schiaffoni alla Dea e tutti a casa. Una vittoria intensamente voluta e cercata, ottenuta con le unghie e con i denti e, per questo, ancora più bella. Come sempre il fantastico pubblico doriano, il dodicesimo uomo in campo, ha spinto la squadra facendo gonfiare le vele della barca blucerchiata, così come i ragazzi in campo hanno fatto gonfiare la rete. Solo la Sampdoria!

Cosa mi è piaciuto oggi:

– La mentalità vincente, mai arrendersi!

– La capacità dei ragazzi subentrati di calarsi subito nella partita e di cambiarne il volto.

– Il fantastico gol di Linetty!

Praet! Una partita sontuosa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.