SerieA 2015/2016, le dieci cose belle

207

E’ terminato il campionato di SerieA e con lui le molteplici storie e sfide anche quest’anno materializzatesi sui campi della penisola. L’ha vinto la Juventus dopo una rincorsa pazzesca e con nove punti di vantaggio sul Napoli, ultima squadra ad arrendersi all’uragano bianconero. In Champions è finita pure la Roma, attesa ad agosto dall’insidioso turno preliminare per l’accesso al tabellone principale. Nell’ex Uefa vanno Inter e Fiorentina, mentre una tra Sassuolo (sesto) e Milan (ancora impegnato in Coppa Italia) si aggiudicherà l’ultima piazza utile per l’Europa.

Non solo sorrisi (o mezzi sorrisi…) in SerieA, l’ultima giornata ha decretato la retrocessione dopo un solo anno di SerieA del gagliardo Carpi di Castori, preceduto di un solo punto dalla coppia Palermo-Udinese, e da poche ore nuovamente in serie cadetta assieme alle gialloblù Frosinone e Verona.

Cosa ci lascia questo campionato di SerieA? Non c’è ordine nella bellezza. Senza alcuna gerarchia, dunque, ecco le nostre dieci cose belle:

  1. La classe di Dybala…
  2. I gol di Higuain…
  3. L’esplosione di Donnarumma…
  4. Il mito di Totti…
  5. La favola del Sassuolo…
  6. Giampaolo e l’Empoli…
  7. Il cucchiaio di Toni (che dà l’addio al calcio)…
  8. Totò Di Natale…
  9. La dignità del Verona…
  10. La sofferta salvezza del Palermo…

http://www.youtube.com/watch?v=mR1QSxhJ7ik

Foto: Itasportpress.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.