La Juventus si veste di giallo e Dybala illumina l’Olimpo del calcio

256

Ottima prestazione nonostante qualche calo di concentrazione. Dybala continua la sua strada verso l’Olimpo dei campioni.

Sfumature bianconere: I ragazzi ieri si sono comportati bene. Buona prova di squadra e assetto, che con questi interpreti, è sembrato efficace e convincente.

Gli sbalzi di concentrazione sembrano, ancora una volta, essere il tallone d’achille di questa squadra che ogni tanto si perde nel nulla e crea di quei vuoti che non sembrano concepibili da una squadra del nostro livello.

SEMrush

Fortunatamente la bravura dei nostri campioni tappa questi buchi e riusciamo a portarci a casa partite che inutilmente diventano complicate.

Un Dybala è per sempre…

Sfumature bianconere: Paolino, dopa una prova incolore in Coppa, ci sta dimostrando quanto la maglia stia, pian piano, facendo parte della sua pelle.

Gioca a tutto campo, gioca per la squadra e ha dei colpi da fare impallidire chiunque. La semplicità di esecuzione e la gioia che ci mette in tutto quel che fa, fa scaturire un’enorme fascio di luce che si propaga su tutto il terreno di gioco.

Basta vedere il primo e secondo goal per capire quanto lui si diverta a fare le cose che per i comuni mortali, sono complicate (il secondo goal è molto più complicato di quanto non sembri).

Photo by La Notizia sportiva

Sta diventando sempre più leader di questa squadra e la squadra lo vede come tale. Lui inizia e finisce l’azione e detta i tempi delle giocate.

Per assurdo, quest’anno, non ha ancora fatto un assist, lui che dovrebbe essere l’ispiratore del Pipita nelle sue reti.

Ma Higuain dove si trova in questo momento?

Sfumature bianconere: Gonzalo sembra l’ombra di se stesso ed è un’ombra pesante, in tutti i sensi.

Lotta, ci prova, vuole fare e strafare, ma è impiantato e non riesce ad essere veloce e incisivo in qualsiasi giocata che fa.

Irriconoscibile per quello che lui ha dato e può dare alla squadra. Forse demoralizzato, anche, dalla mancata convocazione (per ben due volte), del CT dell’Argentina, che gli preferisce Icardi (e sarei demoralizzato anche io se al posto mio convochi uno che non gioca mai per la squadra ma per segnare e basta), comunque queste sono scelte loro e quindi,,,

Tornando al nostro amato bomber. Io credo che abbia bisogno di fiducia e di recuperare la forma fisica che gli permetta di esprimersi al meglio.

Certo, questo non è sintomo di grande carattere e personalità, ma diamo tempo al tempo e speriamo che torni, al più presto, quel giocatore capace di arrivare in doppia cifra facilmente.

Una formazione sensata….

Sfumature bianconere: Finalmente ieri ho rivisto una formazione che aveva un capo e un coda.

La coppia Matuidi-Pjanici, secondo me, è la migliore e più complementare che si possa avere (ovviamente giocando a due in mezzo al campo). Uno corre (Matuidi) e l’altro imposta da fermo (Pjanic).

Questo non accade, purtroppo con Khedira. Giocatore di assoluto valore ma che, come Miralem, non è giocatore di corsa e quindi i due, quando giocano insieme, rallentano troppo la manovra. Il tedesco è  bravissimo negli inserimenti ma poco propenso al recupero palla.

Diciamo che il francese ha scalzato, nelle gerarchie, il tedesco che sarà sicuramente utile per il proseguo della stagione ma che, ormai non sarà più un titolarissimo.

La difesa sta crescendo, nonostante alcune sciocchezze ancora da sistemare, ma Rugani con Chiellini si sta dimostrando un’ottimo difensore e possibile futuro erede dello stesso Chiello o di Barza nel momento in cui, purtroppo, uno dei due smetterà di giocare.

Ora ci aspettano trittico di partite toste. La prima contro la Viola, poi il Derby e infine il Panathynaikos in Champions. Partite da vincere assolutamente per mantenere il passo delle nostre avversarie, sia in campionato che in coppa.

Leggi anche…..JUVENTUS BRUTTINA E VINCENTE, MA DYBALA DEVASTANTE!

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.