Sfumature bianconere : la Juve, i calciatori, i procuratori e le trattative…io canto

258
Fonte immagine Deezen.com

Sfumature bianconere: fra eroi investiti prima ancora di diventarlo, giocatori in entrata che diventano immediatamente da Lega Pro, faide da spogliatoio, diaspora dei campioni e fantamilioni, continua lo sport preferito dai maestri di chiacchiera da bar: il calciomercato.

Ho parafrasato il grande Ludovico Ariosto per parlar di calciomercato. Cosa c’entra il calciomercato con un poema epico cavalleresco? Niente! I calciatori non sono cavalieri, né tantomeno eroi da epopea, sono professionisti e come tali durante la propria carriera fanno delle scelte che dipendono da tanti fattori, non ultimo “il vil danaro”. Il problema è che i tifosi continuano ad ignorare questo aspetto e continuano a vedere nei calciatori i propri eroi, pronti a difendere maglia e bandiera contro tutto e contro tutti, fedeli e irriducibili. Ma se si guarda nel passato, fin dagli anni 20 quando nacque il calcio mercato, di questi personaggi, ce ne sono stati davvero molto, molto pochi (e spessissimo convinti a fare gli eroi a colpi di ingaggi stellari). Ed è per questo che non dovrebbe stupire se un ragazzino che si affida al più mercante dei mercanti, Mino Raiola, non rinnova andando a caccia di soldi e gloria in giro per l’Europa. Chi lo ha detto che un uomo debba fare per forza l’eroe? Perché dargli l’Onore della Bandiera quando deve ancora dimostrare tutto? Misteri del tifo.

Fatto sta che il giovanissimo Donnarumma ha fatto una scelta legittima, certo se non avesse dichiarato amore eterno al Milan sarebbe stato quanto meno più coerente, ma in fondo si sa che se ci si affida a Mino Raiola non è per fare la Bandiera ma per fare un mucchio di soldi. In questo il procuratore olandese è veramente un fenomeno. Che ci sia la mano di Beppe Marotta dietro tutto questo? Vedremo se la Vecchia Signora approfitterà della situazione. La mia umile opinione è che il ragazzo sia un possibile futuro fenomeno, ma al momento è solo un buon portiere con un fisico straripante e più che qualche pecca dal punto di vista tecnico. Certo è che la scuola di Buffon potrebbe fargli più che bene.

Sfumature bianconere: sul fronte entrate si fa forte la voce di uno tra N’zonzi (sembra che il Siviglia pretenda l’intera clausola rescissoria di 40 Mln, forse troppo) ed Emre Can. E qui gli insaziabili tifosi della Juve a dire “Gli altri hanno Modric! Ci serve Modric, N’zonzi è scarso!”. Sì, ma i due giocano in due ruoli diversi e sono due giocatori completamente differenti , non ha il minimo senso paragonarli e soprattutto alla Juventus manca un uomo di sostanza, peso e centimetri davanti alla difesa, ed è questo che per ora i dirigenti bianconeri stanno  cercando. Piccola parentesi: il Real ha vinto due Champions League, quando Zidane ha capito che ci voleva uno come Casemiro a centrocampo, perché senza l’incontrista che non è forte come Modric, la Juventus nel 2015 l’ha sbattuto fuori dalla Champions. E comunque Modric alla Juve non lo danno.

In questi giorni si sentono polemiche per ogni piccolo movimento, intervista, dichiarazione, uscita sui social.

Sfumature bianconere: purtroppo quando la palla è ferma qualcosa devono pur dire questi poveri giornalisti per fare accessi e ascolti (ormai vendere copie non funziona più), ma si tenga ben presente che la maggior parte delle notizie sono meno che congetture. Notizie di mega offerte, giocatori con la valigia in mano, spogliatoi che crollano dopo Cardiff, faide tra calciatori e dirigenti, tutto da prendere con la dovuta cautela…e siamo solo al secondo episodio.

A cura di Giuseppe Paoleologo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.