A sorpresa, il Cesena cede in casa alla Pro Vercelli (1-2)

269
Cesena - Pro Vercelli

Prestazione assai negativa quella del Cesena di ieri pomeriggio contro la Pro: impossibile trovare un migliore in campo, senza dubbio la Curva merita di più

Mi trovo ancora in difficoltà a commentare la gara andata in scena ieri pomeriggio tra Cesena e Pro Vercelli. I bianconeri sono scesi in campo senza alcuna cattiveria agonistica, senza alcuno stimolo pensando probabilmente di aver vinto la partita ancora prima di averla disputata. I piemontesi arrivavano in Romagna con tutti gli sfavori del pronostico: un solo punto conquistato nelle gare del 2017 lasciava presagire ad una carneficina. In realtà non è andata così: nel primo tempo Agliardi ha regalato il gol del vantaggio a Bianchi, subito pareggiato dalla zuccata vincente di Rigione. Ma nella ripresa la squadra di Camplone non è praticamente scesa in campo ed Emmanuello ha trafitto ancora una volta un impreciso Agliardi regalando il definitivo 1-2 ai suoi.

E’ stata una battuta d’arresto tanto inaspettata quanto devastante. Il Cesena non si aspettava assolutamente di passare un weekend così negativo. Le premesse erano assolutamente diverse ma la band di Camplone non è riuscita ad approcciare la gara nella  maniera corretta nonostante fosse riuscita a riprenderla dopo lo svantaggio iniziale. E’ evidente che qualcosa non abbia funzionato: dopo le belle prestazioni del 2017 è arrivata dunque la prima sconfitta in campionato dell’anno nuovo che dovrà fare necessariamente riflettere tutto l’ambiente romagnolo. E’ inammissibile che una squadra che lotta per la salvezza scenda in campo con un atteggiamento così irriverente nei confronti dello splendido pubblico che anche ieri pomeriggio ha affollato il Manuzzi. Prima della partita si era parlato di similitudini con la gara dell’anno scorso: allora la squadra allenata da Drago seppe aspettare il momento giusto prima di colpire con Kessie e Falco. Ieri invece si è dimostrato come la sfida non fosse stata preparata in maniera adeguata, sia dallo staff tecnico che dai giocatori stessi.

E’ obiettivamente difficile trovare un migliore in campo per quanto riguarda i giocatori bianconeri. Probabilmente Rigione è stato il migliore dei suoi ma quando una difesa subisce due gol da una squadra che in trasferta ha sempre faticato, purtroppo c’è qualcosa che non va. Voglio premiare la Curva Mare, che seppur per alcuni tratti della gara si sia presa delle pause più che lecite visto anche lo spettacolo andato in scena, ha accolto il Cesena con una splendida coreografia ed uno striscione che recitava: “Il nostro cuore batte solo per te“. Nella speranza che i giocatori in campo mettano almeno il 50% dell’amore che questa curva elargisce ogni settimana, un grosso applauso a tutti i tifosi del Cesena!


Articolo in collaborazione con www.cesenamio.it – Testo di Nicholas Brasini, foto di Stefano Manzi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.